• it
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

25 gennaio 2016

Dal 25 al 29 gennaio tante proposte online per la settimana dell’educazione in carcere

Dal 25 al 29 gennaio EPALE promuove una settimana per portare l’attenzione sul tema. E in preparazione un seminario tematico nazionale ad aprile.

di Alessandra Ceccherelli

Sono circa 640.000 i detenuti nelle carceri europee, e si tratta nella maggior parte dei casi di persone con basse competenze di base. In Italia si è assistito in anni recenti a un aumento di detenuti stranieri, con scarsa o nulla conoscenza dell’italiano, che rappresentano poco meno di un terzo dei quasi 65.000 detenuti registrati nel 2013 nel nostro Paese.

Molte ricerche dimostrano che l’educazione in carcere svolge un ruolo fondamentale per promuovere la riabilitazione e il reinserimento sociale, e che esiste una correlazione diretta tra la percentuale di partecipazione a iniziative educative e la diminuzione del tasso di recidiva.

Vista l’importanza del tema, EPALE ha deciso di lanciare la Settimana dell’educazione in carcere: sulla piattaforma europea dedicata all’educazione degli adulti saranno proposte tante risorse a tema provenienti da diversi contesti europei e internazionali. Articoli tradotti in più lingue, progetti e interviste con esperti, operatori e volontari del mondo dell’educazione formale e non formale in carcere, per contribuire a migliorare l’educazione carceraria in Europa.

Si comincia con un’intervista a Annet Bakker, direttrice dell’EPEA – European Prison Education Association, sui principali problemi dell’istruzione nelle carceri europee.

Dal 26 al 28 gennaio sarà possibile anche incontrare “virtualmente” gli esperti internazionali con un live blog dedicato, mentre sui canali social sarà possibile contribuire o seguire il tema con gli hashtag #epale2016 e #prisoneducation.

L’Italia ha già colto l’importanza dell’argomento scegliendo di inserirlo tra i temi centrali del 2016. A inizio gennaio è stata infatti lanciata un’indagine sulle azioni formative e educative che riguardano i detenuti, in collaborazione con gli Uffici scolastici regionali, le Università della rete di stakeholder di EPALE e gli Ambasciatori EPALE che sono anche formatori e docenti nelle carceri del loro territorio. L’obiettivo è una raccolta di informazioni aggiornate, da tutte le regioni, che costituiranno la base dei lavori della conferenza nazionale EPALE dedicata all’argomento, prevista per l’inizio di aprile a Napoli.

Tra i contributi già condivisi: il laboratorio di scrittura svolto nella sezione femminile del carcere di Sollicciano a Firenze; le riflessioni sull’importanza dei percorsi informali nella detenzione a cura del Teatro Nucleo di Ferrara e storie europee come il progetto “Taste of freedom” sul cibo come mezzo di rieducazione e inclusione sociale, realizzato in collaborazione con Slowfood.

Èancora possibile contribuire con esperienze, studi e inziative iscrivendoti a EPALE o contattando l’Unità EPALE Italia.

Iscriviti a EPALE e contribuisci alla discussione!

 

Link utili: