Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

27 Ott 16

Ore

Atene (Grecia)

Eventi

Conferenza europea eTwinning ad Atene

di Lorenzo Mentuccia

Dal 27 al 29 ottobre 2016 in Grecia, ad Atene, l’Unità europea eTwinning/EUN, in collaborazione con l’Unità nazionale greca, organizza l’annuale Conferenza europea eTwinning.

Obiettivo dell’incontro è l’esplorazione delle diverse possibilità per aumentare la capacità della scuola di affrontare le sfide della società attuale. Focus quindi sulla “cittadinanza digitale”, per provare insieme a descrivere gli scenari di un mondo in cui la maggior parte delle persone ha un’identità “virtuale” che si affianca, si sovrappone e si mescola a quella reale. Quello della cittadinanza digitale è un concetto ampio, che include in sé il modo in cui dobbiamo agire nel mondo online, quello di cui dobbiamo essere consapevoli e, naturalmente, quali sono i nostri diritti e le nostre responsabilità.

Parteciperanno oltre 500 insegnanti provenienti da tutta Europa: il programma sarà scandito da interventi di esperti in plenaria e da più di 40 workshop con formatori esperti. Più in dettaglio, il primo giorno, Emma Mulqueeny (membro fondatore di Rewired State e Young Rewired State) introdurrà il tema portante della Conferenza con un keynote speech dal titolo Introducing you to the way 97ers learn, share, influence and care.

Nel programma della Conferenza è inclusa la cerimonia di premiazione dei Premi europei eTwinning 2016.

La Conferenza vedrà il lancio della nuova pubblicazione europea eTwinning, ‘Crescere cittadini digitali: sviluppare la cittadinanza attiva attraverso eTwinning’, che sarà distribuita nel 2017 e che sarà presto disponibile online sul sito nazionale.

Alla Conferenza di Atene partecipano oltre 500 persone provenienti da tutta Europa fra docenti, staff delle varie Unità eTwinning, membri della Commissione europea e dell’Agenzia esecutiva EACEA, nonché esperti del settore dell’istruzione. Nel programma della Conferenza è inclusa la cerimonia di premiazione dei Premi europei eTwinning 2016 che non si è potuta tenere, com’era previsto, nel mese di aprile a Bruxelles a causa degli attentati terroristici di quel periodo. I progetti eTwinning che saranno premiati sono stati svolti nell’a.s. 2014/15.

L’Unità eTwinning Italia partecipa alla Conferenza con una delegazione di 24 persone così selezionate:

  • 7 membri dell’Unità eTwinning Italia;
  • 1 rappresentante del Miur;
  • 5 docenti che hanno svolto progetti eTwinning vincitori di Premi europei 2016: Paola Cascione (Premio speciale Mediterraneo), Antonella Ciriello (Runner-up Premio europeo cat. 16-19 anni), Maria Teresa Asprella Libonati e Rosanna Russo (Premio speciale Lingua inglese), Giuseppa Piccotti (Premio speciale Mevlana).

I restanti posti disponibili sono stati assegnati attingendo alla lista dei docenti che hanno ottenuto il Certificato di Qualità nazionale (NQL) per progetti eTwinning dell’a.s. 2014/15, ad esclusione di coloro che hanno ricevuto il Premio nazionale eTwinning 2015 e/o che hanno già partecipato a Conferenze europee eTwinning in passato e/o che sono già stati invitati alla Conferenza europea 2016 a spese di altre Unità (europea o nazionali).

A breve sarà diffuso il programma dell’incontro e verrà comunicato il link per la diretta streaming.

 

COS’È ETWINNING
Il progetto, finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Programma Erasmus+ e coordinato a Bruxelles dal consorzio European Schoolnet, promuove l’innovazione nella scuola, l’utilizzo delle tecnologie nella didattica e la creazione condivisa di progetti didattici tra classi di Paesi diversi. L’Indire è Unità nazionale eTwinning Italia dal 2005. L’Unità italiana lavora in raccordo costante con la rete delle Unità nazionali presenti nei 36 Paesi aderenti all’azione e con l’Unità centrale europea. Sono oltre 400 mila gli insegnanti europei registrati alla piattaforma. Di questi, 40.000 sono italiani, con oltre 11.000 progetti didattici realizzati.

 

Su Twitter: #etconf16

 

Link utili: