• it
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

Pon
31 gennaio 2017

Pon 2014-2020, presentato al Miur il piano in 10 azioni

La Ministra Fedeli: “Investimenti per una scuola più aperta, inclusiva e innovativa”

di Luca Rosetti

“Un piano di investimenti per rendere la scuola più aperta, inclusiva, innovativa”. Con questo messaggio la Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli ha presentato oggi nella sala della Comunicazione del Miur i punti principali dell’avviso quadro sui fondi del Programma Operativo Nazionale (PON) Scuola.

Il piano, basato su 10 azioni e filoni di intervento, è finanziato con 830 milioni di euro che andranno a rafforzare le competenze di studentesse e studenti nel quadro degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030.

 

 

Nei prossimi due mesi saranno pubblicati i singoli bandi relativi ai dieci temi individuati dal Ministero: competenze di base, competenze di cittadinanza globale, cittadinanza europea, patrimonio culturale artistico e paesaggistico, cittadinanza e creatività digitali, integrazione e accoglienza, educazione all’imprenditorialità, orientamento, alternanza scuola-lavoro, formazione degli adulti.

Ciascuna azione potrà avere approcci diversi in base al tipo di intervento e di attività proposta. La Ministra ha sottolineato l’importanza di un coinvolgimento maggiore nella co-progettazione da parte di studenti, famiglie, docenti e dei vari territori. Un elemento di novità riguarda la raccolta e la condivisione di buone pratiche, modelli e contributi presentati dai vari soggetti interessati per le azioni specifiche.

L’avviso quadro fornisce alle istituzioni scolastiche le linee guida per partecipare ai singoli bandi, attraverso un metodo di lavoro condiviso e una serie di strumenti utili (seminari online, kit e tutorial). Sul sito del Ministero è disponibile una pagina dedicata ai PON attraverso la quale le scuole potranno rimanere aggiornate sulla pubblicazione dei bandi.

Rispetto alle singole azioni, i fondi sono stati così ripartiti: 180 milioni sulle competenze di base, 120 milioni per le competenze di cittadinanza globale, 80 milioni sulla cittadinanza europea, 80 milioni sul patrimonio culturale artistico e paesaggistico, 80 milioni per il bando cittadinanza e creatività digitali, 50 milioni su integrazione e accoglienza, 50 milioni su educazione all’imprenditorialità, 40 milioni su orientamento, 140 milioni su alternanza scuola-lavoro e 10 milioni sulla formazione degli adulti.

 

Per saperne di più:

 

 

home_copertina