• it
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

Indire
11 maggio 2017

“Firenze dei bambini”, appuntamento nel capoluogo toscano dal 19 al 21 maggio

L’Indire è partner scientifico dell'iniziativa con laboratori sulle stampanti 3D e la didattica immersiva

di Patrizia Centi

L’Indire è partner scientifico di “Firenze dei bambini”, la manifestazione in programma a Firenze dal 19 al 21 maggio prossimi. Tre giorni di eventi gratuiti, a misura di bambino, che rappresentano un’occasione di crescita attraverso un percorso esperienziale di condivisione, coinvolgimento e scambio di valori e conoscenze. L’evento, promosso dal Comune di Firenze e organizzato da MUS.E, vedrà coinvolti numerosi spazi cittadini, come Palazzo Vecchio, la Biblioteca delle Oblate, l’Opera di Firenze, il Complesso delle Murate, il Parco delle Cascine, l’Istituto degli Innocenti, il quartiere di San Niccolò.

L’Indire organizza venerdì 19 maggio alla scuola dell’infanzia e primaria “Rodari” e alla “Scuola-città Pestalozzi” di Firenze due attività laboratoriali seguite dai ricercatori dell’Istituto.

Alle ore 9,30 prenderà il via un workshop di disegno e stampa 3D con Lorenzo Guasti e i bambini della scuola dell’infanzia della “Rodari” che spiegheranno ai “colleghi” della primaria dello stesso istituto il progetto che stanno svolgendo con l’Indire. L’iniziativa rientra nell’ambito della nostra attività di ricerca “Maker@scuola“.

Alle ore 10, alla “Scuola Città Pestalozzi”, è in programma un workshop dal titolo “Minecraft a Scuola”, condotto da Andrea Benassi e dedicato alla didattica immersiva attraverso l’utilizzo del popolare videogame. Sono tanti oggi i docenti in tutto il mondo che utilizzano Minecraft nell’insegnamento di varie discipline, dalle scienze alla matematica, dalla storia al coding. Durante l’attività laboratoriale, gli alunni dai 7 ai 12 anni dell’istituto potranno sperimentare alcune applicazioni didattiche con Minecraft, definito un sandbox, ovvero un luogo dove potenzialmente è possibile creare strutture di ogni tipo. Usando i materiali in modo appropriato e seguendo delle regole specifiche, gli alunni saranno in grado di costruire numerosi strumenti e agire in diversi contesti: dalla costruzione di intere città al combattimento in perfetto stile arcade, il tutto con l’obiettivo di sperimentare nuove potenzialità didattiche di questo software apprezzato da tutti i ragazzi del mondo.

 

Link utili: