• it
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

Tecnologia
21 settembre 2017

Stampa 3D nella scuola dell’infanzia, uscito il volume a cura dei ricercatori Indire

di Antonella Sagazio

Dopo un lavoro di ricerca di oltre tre anni, tuttora in corso, il gruppo dei ricercatori Indire che lavora sull’introduzione delle stampanti 3D nella didattica in età prescolare ha appena pubblicato il volume Maker@scuola – Stampanti 3D nella scuola dell’infanzia, edito da Assopiù Editore.

Nel libro si ripercorre il percorso che in questi anni, a partire da gennaio 2014, ha coinvolto i docenti di 8 scuole dell’infanzia italiane che hanno integrato questo innovativo tipo di attività nel piano didattico e nel lavoro quotidiano con gli alunni a partire dai 5 anni.

Il libro è un vero e proprio manuale che affronta l’argomento dalle basi: la prima parte è teorica e, dopo aver tracciato il quadro di riferimento, va ad analizzare gli aspetti pedagogici e psico-cognitivi legati alla pedagogia “maker” e all’introduzione della stampante 3D come oggetto didattico; la seconda parte racconta più nello specifico le caratteristiche e le implicazioni del progetto Indire “Maker@scuola” e approfondisce gli aspetti tecnologici e pratici che entrano in gioco quando si progetta un’esperienza di apprendimento di questo tipo. Infine, un’appendice riporta le esperienze dei docenti e rappresenta una preziosa testimonianza da parte dei pionieri di questa sperimentazione.

Nell’anno scolastico 2017/18, la ricerca Maker@scuola proseguirà con un importante incremento delle scuole coinvolte: diventeranno infatti cento gli istituti coinvolti nel progetto, fra scuola dell’infanzia e scuola primaria del comprensivo. I ricercatori Indire, mettendo a frutto l’esperienza maturata nel corso di questi tre anni, vogliono dunque cominciare a sperimentare una continuità tra i due ordini di scuola.

 

Il volume è gratuito e liberamente scaricabile online >>

 

Per approfondire: