• it
  • en
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

Erasmus+
11 ottobre 2017

Al via gli Erasmus Days nelle scuole e nelle università italiane

Il 13 e 14 ottobre oltre 70 eventi in Italia e 500 in Europa per celebrare i 30 anni del Programma Erasmus

di Valentina Riboldi

Arrivano gli #ERASMUSDAYS!

Il 13 e 14 ottobre i 30 anni del programma Erasmus saranno celebrati con una serie di eventi in Italia e in Europa.

Dopo le celebrazioni per i 30 anni di Erasmus a Firenze e a Strasburgo, a raccontare il programma saranno stavolta i protagonisti delle esperienze di mobilità e dei progetti. Scuole, università, associazioni, Comuni, centri di informazione sull’Europa e Uffici scolastici regionali hanno accolto con entusiasmo l’invito dell’Agenzia nazionale Erasmus+ Indire a organizzare un evento dedicato a dare visibilità al programma e ad avvicinare il territorio alle opportunità europee.

L’iniziativa è nata in collaborazione con l’Agence Erasmus+ France / Education & Formation ed è stata accolta da varie altre Agenzie nazionali, in particolare da quelle di Spagna e Germania. In Italia è stata promossa anche da Agenzia nazionale Giovani.

Molte le città coinvolte in Italia, da Ragusa a Treviso, da Napoli a Roma, da Torino a Taranto, da Soverato a Pisa, e poi Bari, Perugia, Catania, Ancona, Padova, Parma, Venezia, Ferrara e Genova. In programma conferenze, concerti, eventi teatrali, mostre d’arte, sfilate di moda, giornate di accoglienza, momenti di formazione per insegnanti, presentazioni e soprattutto tante storie raccontate da studenti ad altri studenti, tra istituti scolastici di diversi livelli, o tra studenti e stranieri che stanno vivendo un’esperienza di mobilità Erasmus+. Molti eventi sono aperti al pubblico e rappresentano un’occasione per capire cosa significhi realizzare un progetto Erasmus+ soprattutto per la scuola, vista la forte partecipazione di licei, istituti di ogni ordine e grado a questa iniziativa.

 

 

La capitale degli Erasmusdays sarà Perugia, città che il 13 ottobre ospita 4 diversi eventi. Il Rettore dell’Università degli Studi di Perugia e il Sindaco del Comune di Perugia daranno il benvenuto agli oltre 350 studenti che arrivano da 22 Paesi per vivere un Erasmus nel capoluogo umbro. In contemporanea, nell’Aula consiliare di Palazzo Cesaron è in programma l’evento “Vivere l’Europa” dell’Istituto Superiore “A. Volta”, una scuola con una lunga storia di cooperazione europea, tra i pionieri di Erasmus e della mobilità individuale degli alunni delle scuole superiori. Nel pomeriggio è previsto nella stessa sede un seminario regionale eTwinning, organizzato dall’USR Umbria per promuovere la comunità europea degli insegnanti. Infine Europe Direct Umbria promuove un evento dedicato ad Erasmus+.

Sono molte le scuole che hanno aderito proponendo una grande varietà di eventi per far conoscere i progetti in atto attraverso il coinvolgimento diretto degli studenti e degli alunni (anche i più piccoli) in un panorama di iniziative che possono essere di spunto anche per strategie di comunicazione e diffusione dei progetti a partire dall’incontro, dal confronto, dalle storie.

In ambito universitario, lo IUAV di Venezia organizza l’evento “Quo vadis Erasmus Traineeship?” dedicato ai tirocini in impresa e alle mobilità per studenti; il Politecnico di Milano invece avrà un’iniziativa di training per i docenti delle scuole secondarie: il corso progettato nell’ambito del Partenariato strategico KA2 DiS-Code, “Maths and Programming for a more effective teaching practice”.

Infine, molti altri eventi organizzati da centri, associazioni e comuni promuoveranno il Servizio volontario europeo e il Corpo europeo di solidarietà, progetti incentrati sull’accoglienza dei migranti.


CONCERTO DELL’ORCHESTRA ERASMUS
Il 13 ottobre inoltre, l’Agenzia Erasmus+ Indire porta in Francia l’Orchestra Erasmus, che si esibirà a Strasburgo come parte delle celebrazioni nazionali francesi. L’Orchestra ha debuttato a Firenze lo scorso 7 maggio in occasione del 30° anniversario di Erasmus e l’iniziativa è stata molto apprezzata sia dalla Commissione europea sia dai colleghi delle altre Agenzie nazionali. Con un pizzico di orgoglio, ci auguriamo che quella del 13 ottobre sia solo la prima di molte esibizioni dell’Orchestra Erasmus in Europa.

 

Ringraziamo tutti i docenti, i dirigenti scolastici, i referenti di progetto, i responsabili degli uffici relazioni internazionali delle Università e tutti coloro che si sono impegnati per questo evento di festa. Gli Erasmusdays diventeranno un appuntamento annuale del calendario europeo? Noi ci contiamo!

Hashtag ufficiale: #ERASMUSDAYS.

 

Link utili: