• it
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

13 febbraio 2018

MIGRANS, il metodo per insegnare l’italiano agli stranieri non alfabetizzati

di Alessandra Ceccherelli

Una nuova metodologia per insegnare l’italiano a stranieri analfabeti è in corso di sperimentazione in tre strutture situate a Sondrio, a Trento e a Caltanissetta.

Frutto della ricerca e di sperimentazioni in classe, il metodo MIGRANS (acronimo che sta per Metodo Iper Globale Richiedenti Asilo Non Scolarizzati) mette a sistema una didattica basata sull’approccio esperienziale, con uso prevalente dell’oralità. Si definisce iper globale perché l’unità minima di apprendimento è l’atto linguistico in un testo autentico. MIGRANS si avvale, in sintesi, di tecniche innovative che accelerano notevolmente i tempi di acquisizione delle competenze strumentali, integrate nella pianificazione didattica.

Di questa nuova metodologia e della sperimentazione in corso, cui hanno aderito spontaneamente alcune strutture che erogano corsi di italiano L2, si è parlato lo scorso novembre a Milano in occasione di un seminario sull’educazione degli adulti organizzato dall’USR Lombardia e dalla Rete Europa, in collaborazione con Erasmus+ e con la piattaforma europea EPALE.

Tatiana Galli, docente del Cpia di Sondrio, ha parlato di come nasce la sperimentazione e di quali siano gli elementi più innovativi. Per farlo, è partita da un esempio relativo alla lettoscrittura, mostrando in video l’esercitazione con il nuovo metodo adottato, più efficace del tradizionale perché sfrutta la memoria grafica del discente.

 

 

Allo stesso modo, per l’alfabetizzazione numerica, il metodo usa il corpo, le mani, la visualizzazione ripetuta. Al Centro di Accoglienza Speciale di Trento, dove insegna Katia Raspollini, si usano ad esempio i dadi per imparare i numeri.

 

 

Attualmente la sperimentazione si è estesa anche al Cpia di Caltanissetta/Enna, grazie al coinvolgimento di Michele Longo, docente e Ambasciatore Epale per la Sicilia.

Per partecipare alla sperimentazione del metodo MIGRANS, o per approfondirne la conoscenza, è possibile contattare le insegnanti Tatiana Galli e Katia Raspollini (gli indirizzi si trovano nella scheda descrittiva MIGRANS).

 

Per approfondire: