• it
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

9 Apr 2018

L’11 aprile il webinar gratuito IUL/Microsoft su “Innovazione del sistema scolastico e ICT”

di Redazione

Sono aperte le iscrizioni al webinar su “Innovazione del Sistema Scolastico e ICT”, in programma l’11 aprile alle ore 17. Il corso è gratuito ed è organizzato dall’Ateneo IUL, in collaborazione con Microsoft.

Il seminario online è condotto dal Presidente dell’Indire, Giovanni Biondi, e dal Teacher Engagement Manager di Microsoft Italia, Giuseppe Della Pietra. Durante il seminario verranno approfonditi i temi legati alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione in ambito scolastico. Il digitale a scuola suscita opinioni differenti: il webinar in questione si propone di analizzare le principali tesi contro il digitale e fornire strumenti di riflessione sulla crisi del modello scolastico tradizionale. Nel corso delle attività verranno prese in esame alcune pratiche didattiche innovative in cui l’uso delle tecnologie e dei linguaggi digitali porta un evidente valore aggiunto.

Qui è possibile vedere la scheda del webinar. Se sei interessato, questo è invece il link alle iscrizioni.

Nelle prossime settimane sono in programma altri incontri online, organizzati sempre da IUL e da Microsoft, sui temi dell’educazione, dell’innovazione didattica e delle nuove tecnologie (qui il programma dei prossimi seminari).

 

COS’È LA IUL

La IUL – Italian University Line è un’università telematica pubblica, non statale, istituita nel 2005. L’Ateneo è promosso dal Consorzio IUL, composto dall’Indire e dall’Università degli Studi di Firenze. La IUL rappresenta un punto di riferimento per l’apprendimento permanente, proponendosi come una sorta di “Lifelong Learning University” per tutti coloro che desiderano rientrare nel circuito formativo o che intendono acquisire nuove conoscenze che siano spendibili nel proprio ambito professionale. L’Ateneo conta su un corpo docente costituito da professori e ricercatori dell’Università degli Studi di Firenze, da ricercatori dell’Indire e da esperti nei vari ambiti disciplinari.

 

 

 

articolo di Rita Nagni, IUL