• it
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

24 maggio 2018

La Commissione adotta nuove misure per costruire uno Spazio europeo dell’Istruzione entro il 2025

di Elena Maddalena

La Commissione europea lancia una nuova serie di misure per costruire entro il 2025 uno Spazio europeo dell’Istruzione e per rafforzare la dimensione culturale dell’Unione europea e la partecipazione dei giovani. Le nuove iniziative puntano a migliorare la mobilità per l’apprendimento e le opportunità di istruzione nell’UE, incoraggiando le nuove generazioni a partecipare alla vita civile e democratica e sfruttando il potenziale della cultura per il progresso sociale e la crescita economica in Europa.

Concretamente, la Commissione ha adottato un pacchetto che comprende:

  • una Comunicazione generale su “Costruire un’Europa più forte: il ruolo delle politiche per i giovani, l’istruzione e la cultura” che illustra come la Commissione stia portando avanti l’agenda di Göteborg e il mandato del Consiglio europeo;
  • una Strategia per la gioventù per il periodo 2019-2027 per dare ai giovani una voce più forte nei processi decisionali dell’UE;
  • alcune proposte di raccomandazioni del Consiglio sull’istruzione sui sistemi di cura della prima infanzia di alta qualità per gettare le basi per il successo futuro nella vita; sul riconoscimento automatico dei diplomi e dei periodi di apprendimento all’estero; sul miglioramento dell’insegnamento e dell’apprendimento delle lingue straniere;
  • una nuova Agenda per la Cultura per sensibilizzare sul patrimonio condiviso e diversificato dell’Europa che mira a costruire un’Unione più inclusiva e più giusta sostenendo l’innovazione, la creatività, l’occupazione e la crescita sostenibile e rafforzando le relazioni esterne dell’UE.

Nell’ambito di queste iniziative, il lavoro prosegue anche su altri aspetti dello sviluppo dello Spazio europeo dell’Istruzione entro il 2025. La già citata comunicazione “Costruire un’Europa più forte” delinea i piani per dare vita a una tessera europea per studenti pensata per stimolare la mobilità per l’apprendimento riducendo gli oneri amministrativi e i costi per gli studenti e per gli istituti di istruzione e formazione. La Commissione prevede di lanciarla entro il 2021 come simbolo visibile dell’identità studentesca europea.

Nella Comunicazione si sottolinea inoltre il lavoro svolto con gli Stati membri e con il settore dell’istruzione per lo sviluppo delle università europee che, costituite da reti di università esistenti, promuoveranno la cooperazione transfrontaliera attraverso strategie istituzionali a lungo termine. Promuoveranno l’innovazione e l’eccellenza, aumenteranno la mobilità per studenti e insegnanti e faciliteranno l’apprendimento delle lingue. Ciò dovrebbe anche contribuire a rendere l’istruzione superiore europea più competitiva. La Commissione intende avviare i progetti pilota nel 2019 e 2020 nell’ambito del programma Erasmus+ prima della piena introduzione dell’iniziativa nel 2021. Verranno inoltre sviluppate altre azioni a sostegno dell’apprendimento permanente e dell’innovazione per l’istruzione e la formazione: la Commissione proporrà ad esempio di sostenere la creazione di centri di eccellenza per l’istruzione e la formazione professionale che promuovano un ruolo attivo per l’istruzione e la formazione professionale nello sviluppo economico locale e regionale.

 

Sintesi della Conferenza stampa del Commissario europeo per l’Istruzione e la Cultura Tibor Navracsics:

 

Per approfondire: