• it
  • en
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

27 Set 2018

Le immagini della conferenza europea Erasmus+ sul Patrimonio culturale

Presenti 130 rappresentanti di 20 Paesi europei e 500 persone dei settori scuola, università ed educazione degli adulti

di Elena Maddalena

">

Palermo ha ospitato il 27 settembre uno dei più importanti eventi Erasmus+ del 2018, la conferenza internazionale “Paths towards citizenship through European cultural heritage” sul patrimonio culturale europeo. L’evento è stato organizzato dall’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire al Teatro Politeama, nell’ambito delle iniziative dell’Anno europeo del Patrimonio culturale 2018.

Sono intervenuti Iolanda Riolo, Assessore all’Innovazione del Comune di Palermo, Mariarita Sgarlata, Consigliera del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Roberto Lagalla, Assessore Regionale Istruzione e della Formazione Professionale, Sebastiano Tusa, Assessore Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana, Donatella Amatucci, Autorità Nazionale Erasmus+ al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, Giovanni Di Fede, Consigliere di Amministrazione Indire.

Hanno partecipato ai lavori oltre 600 rappresentanti di scuole, università e organizzazioni dall’Italia e da 20 diversi Paesi europei. Presenti anche i rappresentanti di 20 Agenzie nazionali Erasmus europee, del Miur e degli enti locali.

«Raccogliamo l’invito della Commissione europea – ha dichiarato Giovanni Di Fede, Consigliere di amministrazione Indire, Agenzia Nazionale Erasmus+ Italia – che incoraggia a coinvolgere sempre più persone nella scoperta del nostro patrimonio. Abbiamo deciso di dare vita qui a Palermo ad un’occasione di incontro internazionale in cui sono coinvolte anche le Agenzie nazionali Erasmus europee. L’idea è di valorizzare quei progetti che si fondano sul valore della cultura e dell’istruzione per la crescita dei cittadini, che condividono radici comuni, conoscenza, tutela e rispetto del patrimonio culturale europeo».

«Per Palermo è un onore e un piacere ospitare questo evento, – ha dichiarato il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando segno di grande attenzione alla vitalità culturale della nostra città e alla sua dimensione internazionale come luogo di incontro, dialogo e contaminazione fra le culture. La presenza a Palermo di centinaia di esperti di formazione e istruzione da più parti del mondo, così come la presenza di organizzazioni della società civile, scuole e centri di formazione che a Palermo operano nell’ambito di Erasmus+ sono tutti segni evidenti di come questo programma comunitario sia fra quelli che maggiormente rispecchiano i valori fondanti dell’Unione Europea: il dialogo, la cooperazione, il rispetto e la valorizzazione di ogni identità come strumenti per costruire comunità sane e che guardano al futuro».

Palermo è stata scelta come sede dell’evento per il suo ruolo di Capitale italiana della cultura 2018, ma anche perché la città è da sempre il simbolo dell’incontro tra culture diverse.

L’obiettivo della giornata è stato quello di diffondere consapevolezza culturale, aprire alla dimensione internazionale dell’istruzione e della formazione e permettere ai partecipanti di conoscersi, confrontarsi e immaginare progetti futuri. Quattro le sessioni tematiche lungo cui si sono sviluppati i lavori: il patrimonio culturale per rafforzare l’identità europea; istruzione e cultura per combattere i radicalismi; il patrimonio appartiene a tutti, il ruolo del Mediterraneo come ponte verso altre culture.

Ognuno dei quattro temi è stato introdotto da un esperto e si è sviluppato attraverso il confronto tra progetti e buone pratiche Erasmus+ da diversi Paesi europei.

Sito ufficiale e programma dell’evento: http://culturalheritage.erasmusplus.it

#EuropeForCulture

 

Conferenza internazionale sul patrimonio culturale europeo - Palermo 26/27 ottobre 2018