• it
  • en
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

Tecnologia

Area tecnologica

L’area tecnologica si occupa di analisi e ricerca sugli spazi di apprendimento fisici e virtuali. In tale ambito conduce attività di progettazione e sviluppo di applicazioni e architetture tecnologiche per il settore educativo;  la ricerca approfondisce le diverse dimensioni degli ambienti di apprendimento per la scuola: architetture scolastiche, mondi virtuali, strumenti e tecnologie per la didattica innovativa, soluzioni per e-learning con riferimento al panorama nazionale e internazionale.

L’area tecnologica:

  • progetta e sviluppa attività di ricerca per favorire l‘utilizzo avanzato degli strumenti tecnologici nelle scuole e, più in generale, nei sistemi formativi, proponendo la sperimentazione di soluzioni tecnologiche innovative, sia hardware che software;
  • studia e analizza lo sviluppo del settore tecnologico con particolare riguardo ai linguaggi e alle architetture applicative degli ambienti formativi online, promuovendo l‘innovazione delle didattiche disciplinari e laboratoriali;
  • cura l’aggiornamento, il potenziamento e la gestione del data center interno all’Istituto garantendo il funzionamento dei servizi dell’ente;
  • progetta e realizza i software necessari allo svolgimento delle attività di ricerca e dei progetti in affidamento sia da parte del Miur che di altri enti; cura inoltre la progettazione e la realizzazione delle banche dati e dei sistemi applicativi di estrazione dati e di analisi statistica.

L’area conduce attività di ricerca sui seguenti ambiti:

  • spazi educativi ed edifici scolastici con particolare riguardo alle soluzioni per il benessere a scuola e al rapporto tra didattica, architettura, tecnologie e arredi, promuovendo l’innovazione degli ambienti di apprendimento;
  • potenzialità degli ambienti immersivi 3D online come modalità per la formazione a distanza e come ambienti per lo sviluppo degli apprendimenti. In questo contesto è nato ‘edMondo’, un mondo virtuale progettato ad hoc per le esigenze della scuola e sviluppato sulla base di tecnologie open source;
  •  rapporto fra nuove tecnologie e insegnamento­-apprendimento disciplinare ed interdisciplinare al fine di individuare soluzioni efficaci per i setting di aula e applicazioni software per i vari ambiti disciplinari e riferiti alle scuole di diverso ordine e grado;
  •  impatto del fenomeno “makers” sugli scenari educativi e relative influenze nel sistema scolastico italiano. In particolare è stato attivato un percorso sperimentale sull’uso didattico della stampante3D nella Scuola dell’Infanzia e Primaria;
  • buone pratiche nella didattica della musica; 
  • Coding@Scuola , il coding e la robotica sono innervati alla tecnologia, animandola; entrambi sottendono una forma di pensiero strutturata, il pensiero computazionale. Nel progetto di ricerca questo sarà oggetto di analisi e sperimentazione secondo due aspetti: l’uso di linguaggi formalizzati, come nuova forma di scrittura (e come literacy trasversale); la risoluzione di problemi con l’impiego di esecutori (macchine o umani), con routine formalizzate (pensiero algoritmico) a partire dall’analisi e dalla formalizzazione del problema.