Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
E-LEARNING

Marinando, la scuola da frequentare dove si vive

Il racconto in presa diretta di Marinando, il progetto che vede protagoniste le scuole delle isole minori italiane

di Giuseppe Moscato
05 Luglio 2007

Il contesto: lisola, la scuola, gli studenti
Siamo nellisola di Marettimo, la pi piccola delle Egadi in provincia di Trapani.  un luogo che assomiglia pi a un paradiso che a un centro abitato. Un perimetro di grotte viola interrotto qua e l dagli scogli che ospitano il piccolo porto. Se dopo essere scesi dallaliscafo ci si incammina per meno di due chilometri, si vedono sentieri di bassa montagna e si pu salire fino a 800 metri di altezza. Il mare pescoso e i gabbiani sembrano affettuosi animali domestici. Si contano solo settecento Marettimri, ma non siamo sicuri che tutti vivano stabilmente nellisola. Leconomia si sviluppa intorno al turismo e alla pesca. Non ci sono automobili e i bambini possono girare e giocare liberamente in strada. Per i genitori di questi bambini, la sicurezza in libert dei propri figli di sicuro una delle risorse pi importanti. La scuola piccola, curata e attiva e ospita una multiclasse per linfanzia e una per la scuola elementare. Non diversa da tutte le altre scuole italiane abitate da docenti preparati e creativi. Durante questo anno si aperta una prima classe della scuola media inferiore. Gli studenti che la compongono sono soltanto due: Gaspare e Jessica, un ragazzo e una ragazza, gli unici della stessa et che vivono a Marettimo.

La scuola virtuale: il diritto di studiare vicino a casa
Una classe non pu essere ritenuta tale se non si raggiunge il numero minimo di iscritti necessario per costituirla: due soli studenti non sono sufficienti. Formalmente lUfficio Scolastico Provinciale pu garantire linsegnamento dellarea logico matematica e quello della lingua italiana. Pu dunque mettere a disposizione due soli insegnanti. Della preparazione per le altre materie scolastiche, in teoria, se ne devono occupare le famiglie degli studenti. Lunica alternativa per riuscire a fornire un normale servizio scolastico resta il trasferimento dei due studenti in una scuola della provincia di Trapani. In sostanza, perch Gaspare e Jessica possano fruire del loro diritto-dovere di frequentare la scuola dellobbligo, debbono abbandonare lisola e con essa il contesto socio-culturale in cui sono nati e cresciuti. Senza contare i disagi delle famiglie che dovranno trasferirsi con loro e le cui conseguenze si possono immaginare facilmente. Parlando con i genitori di questi alunni, emerge una considerazione semplice e concreta allo stesso tempo: possibile che nellera di internet e pi in generale di tecnologie telematiche che consentono di trasferire informazioni di qualsiasi tipo in tempo reale e in ogni luogo del mondo, non ci sia lopportunit di frequentare la scuola vicino casa? In effetti il ragionamento non fa una grinza: sufficiente dotare la scuola di Marettimo delle tecnologie necessarie per lo svolgimento di lezioni a distanza, in collegamento con una classe "vera" fatta di altrettanti alunni e docenti "veri". Dove questa classe sia non ha importanza, importante trovarla disponibile e modificarla per permettere di accogliere i due studenti.

Il progetto
Liniziativa si sviluppa allinterno di un disegno pi ampio che vede protagoniste le scuole delle isole minori italiane.
Gi in passato il problema dellisolamento delle scuole appartenenti alle isole minori esordisce con il progetto SCOLA,  finanziato con i fondi strutturali europei e sostenuto dalla Direzione Generale per le relazione Internazionali del MPI. Il progetto SCOLA (Sviluppo Collaborativo Online Learning object Autoprodotti) ha lobiettivo principale di progettare e costruire, nella forma della collaborazione online, percorsi formativi basati sulluso delle tecnologie didattiche attraverso la rete Internet. Implicito lobiettivo di uscire dallisolamento sociale e culturale che docenti e studenti vivono costantemente. Questa prima fase si conclude positivamente sia per lentusiasmo mostrato dai docenti partecipanti sia grazie alla particolare attenzione degli uffici coinvolti. Non si trattato solo di offrire opportunit alle scuole di gestire progetti, ma anche e soprattutto di creare le condizioni per costituire una comunit di docenti prima e di studenti poi. In questo anno, oltre a riproporre un percorso formativo rivolto ai docenti, sono state poste le basi per la sperimentazione di un ambiente di apprendimento online dedicato agli studenti.  in questo contesto che nasce il progetto Marinando (MARettimo IN Ambiente di appreNDimento Online), anch'esso finanziato con i fondi strutturali europei e sostenuto dalla Direzione Generale per le relazione Internazionali del MPI. La prof. Ermelinda Guarino, dellistituto Comprensivo "B. Mineo" di Favignana si avvale di una delle misure previste dal PON per realizzare qualcosa che fino a un momento prima era impensabile: la scuola vicino a casa! Attraverso il contributo dellAgenzia Nazionale per lo Sviluppo dellAutonomia Scolastica, riesce a contattare due scuole fiorentine che si rendono disponibili per partecipare a questa sperimentazione davvero innovativa.

Apprendere rompendo lisolamento
Per gli studenti di Marettimo e per tutti quelli che come loro vivono in questo tipo di contesto geografico e culturale, il processo di apprendimento strettamente legato alle dinamiche cognitive che si sviluppano grazie all'opportunit data dallo scambio delle conoscenze.  risaputo che a scuola non si impara soltanto grazie allinsegnante che trasmette contenuti di tipo disciplinare: lo studente impara anche e soprattutto allinterno delle relazioni fra pari. Il lavoro e lo studio in gruppo consentono di rielaborare i concetti acquisiti individualmente, di spendere le nuove competenze dentro lesperienza quotidiana. Ci che gli studenti imparano a scuola deve essere portato fuori e viceversa, lesperienza vissuta fuori deve essere rielaborata a scuola. Gaspare e Jessica quando non sono a scuola si incontrano con ragazzi pi piccoli o pi grandi di loro, mai con coetanei. Discutere degli avvenimenti sportivi o di cronaca pu dunque non avere riscontri. Per facilitare la socializzazione sono state create due importanti opportunit: uno spazio per la comunicazione sincrona, dove gli studenti hanno potuto comunicare liberamente a distanza, e un blog nel quale gli studenti hanno potuto fissare le loro esperienze quotidiane non necessariamente legate alla scuola. Ma i ragazzi hanno voluto anche incontrarsi,  e verso la fine dellanno scolastico un gruppo di studenti fiorentini ha raggiunto Gaspare e Jessica nella loro isola e lemozione vissuta stata unica. Ecco perch apprendere e rompere lisolamento culturale sono divenuti gli obiettivi fondamentali di questo progetto. Progetto che ha sperimentato l'utilizzo di un innovativo strumento di comunicazione, le lavagne interattive multimediali collegate in rete, che hanno consentito agli studenti di interagire in modo intuitivo ed efficace con docenti e compagni.

Le scuole partner
Due le scuole fiorentine coinvolte nel progetto: gli istituti statali "Santissima Annunziata" di Firenze e l"Enrico Fermi" di Scandicci (Firenze). Il ruolo delle due scuole ha avuto un duplice obiettivo che possiamo definire in modo estremamente semplificato: fornire contenuti didattici in un contesto di classe e creare opportunit di socializzazione tra i ragazzi. Per spiegare come sia avvenuto tutto questo necessaria una brevissima premessa. Viste la caratteristica sperimentale del progetto, non stata elaborata a priori una programmazione dettagliata delle azioni da svolgere. Piuttosto stato disegnato uno scenario generale e sono stati messi a disposizione alcuni strumenti tecnologici di tipo sincrono e asincrono. Ci sembrato importante che i docenti organizzassero autonomamente la didattica e affrontassero via via le problematiche che si sarebbero presentate durante il corso dellesperienza. Non sempre stato possibile dare una risposta alle difficolt che inevitabilmente si sono presentate, ma i docenti hanno concluso lanno scolastico convinti che si pu migliorare, e soprattutto convinti di continuare!
Lattivit didattica a distanza entrata a regime a gennaio 2007. La media dei collegamenti settimanali stata di nove ore con lIstituto della "SS Annunziata" e di due ore con l"Enrico Fermi" di Scandicci. Nelle nove ore sono state erogate attivit di musica, arte e immagine, tecnologia, informatica, spagnolo L3 e scienze matematiche, nelle due ore lingua italiana. Tutte le altre aree disciplinari sono state svolte dai docenti in servizio a Marettimo. Precisiamo che il numero delle ore svolte in collegamento non avrebbero mai potuto coprire le esigenze dettate nella programmazione scolastica annuale. Con ci vogliamo ribadire che questo tempo scolastico ha avuto lo scopo di qualificare le competenze acquisite dagli alunni di Marettimo, attraverso un sistema di condivisione degli apprendimenti, orientate al cooperative learning.

La sperimentazione
In fase di ideazione degli aspetti sperimentali del progetto, il gruppo di docenti e di ricercatori dellAgenzia Nazionale per lo Sviluppo dellAutonomia Scolastica non ha potuto contare su riferimenti a esperienze simili di carattere scientifico. Uno degli obiettivi impliciti stato infatti lo sviluppo di un modello metodologico, modello che riteniamo possa essere elaborato nel giro di qualche anno. Tuttavia lesperienza di formazione e-learning vissuta in questi ultimi anni ha certamente permesso di studiare delle ipotesi attendibili per la riuscita di questa prima fase del progetto. I problemi emersi hanno messo a disposizione un terreno fertile per la ricerca di nuove soluzioni didattiche e particolare attenzione stata data alle modalit tecnico-didattiche emerse intorno alle dinamiche della comunicazione sincrona.

Questi i principali obiettivi dellazione sperimentale:

  • Incrementare le competenze di base nel curricolo scolastico nelle aree linguistica e scientifica
  • Acquisire competenze nellutilizzo di una piattaforma interattiva e di altri strumenti di comunicazione e condivisione
  • Favorire un apprendimento centrato sullo studente, promuovendo la collaborazione tra pari

Per lo svolgimento dellattivit sperimentale stato istituito un gruppo di coordinamento che ha visto impegnati il promotore Giovanni Biondi, direttore generale dellAgenzia Nazionale per lo Sviluppo dellAutonomia Scolastica, i responsabili della parte sperimentale del progetto Massimo Faggioli e la ricercatrice Giusy Cannella, il consulente tecnico-didattico Giuseppe Moscato che oltre ad avere una funzione di coaching (supporto per la formazione in aula) ha elaborato la documentazione dellesperienza. Il tutor Ermelinda Guarino dellIC "B. Mineo" di Favignana e le docenti Agata Scarlata e Rosaria di Gregorio che hanno seguito da vicino gli studenti di Marettimo. E ancora, il coordinatore del gruppo dei docenti dellIstituto "SS. Annunziata" Marco Menicatti, Annasilva Sivieri, docente di italiano dellIS "E. Fermi", Sauro Baci di Eurobyte per il supporto tecnico sulla Lavagna Interattiva Multimediale della Smart Tecnology e Gualtiero Anselmetti della Satnet per linstallazione del sistema di videoconferenza. Ma il contributo umano e professionale non si ferma certo qui!

Le tecnologie usate
Le tecnologie messe a disposizione e finanziate dal Programma Operativo Nazionale per la scuola di Marettimo e dallAgenzia Nazionale per lo Sviluppo dellAutonomia Scolastica per le scuole fiorentine, possono essere distinte per due scopi:
- quelle dedicate allo svolgimento delle lezioni in classe. Server di multiconferenza, videocamere, mixer, microfoni, diffusori, kit lavagna digitale, videoproiettore, notebook, plasma, etc..
- quelle dedicate alle attivit sincrone e asincrone. In particolare il software Edulab, realizzato dal Centro Elaborazione Dati dellAgenzia Nazionale per lo Sviluppo dellAutonomia Scolastica. Questo strumento, una sorta di "laboratorio online", consente di condividere i materiali didattici, permettere il confronto tra i docenti per la preparazione delle attivit didattiche e la comunicazione con e tra gli studenti.

Il progetto, per l'anno scolastico 2007/2008, si amplier coinvolgendo anche Niki, un coetaneo di Gaspare e Jessica che a causa di problemi di salute costretto a passare gran parte del suo tempo in mare su una barca. Anche lui presto potr fare lezione coi suoi.. "compagni di classe".

 
Articoli correlati

PON MATEMATICA: un esempio di blended elearning
di Nadia Colombo (05 Maggio 2010)

Cl@ssi 2.0: il ruolo delle Università nel progetto
di Roberto Maragliano (09 Marzo 2010)

Progetto Cl@ssi2.0: protagoniste le classi!
di Daniele Barca (09 Marzo 2010)

Il contributo dellANSAS-Piemonte a Cla@ssi 2.0
di Giuseppe Cagni (09 Marzo 2010)

La valutazione nella progettazione didattica
di Francesca Storai (01 Febbraio 2010)

L'apprendimento espanso
di Giusy Cannella (01 Febbraio 2010)

Coach, chi era costui?
di Elena Mosa (27 Gennaio 2010)

Insegnare, fra tecnologia e innovazione
di Rudi Bartolini (06 Novembre 2009)

Tutor, E-Tutor, Coach...Quale ruolo per quale scuola?
di Rudi Bartolini (29 Ottobre 2009)

Bando di selezione Tutor
di Rudi Bartolini (11 Marzo 2009)

I nuovi Monitoraggi Puntoedu
di Francesco Vettori (26 Febbraio 2009)

La Formazione Neoassunti 2008: il report
di Francesco Vettori (26 Febbraio 2009)

La Formazione Digiscuola 2008: il report
di Tania Iommi (26 Febbraio 2009)

Scuola Digitale con le Lavagne Interattive Multimediali
di Laura Parigi (13 Gennaio 2009)

Lavagne Interattive Multimediali: distribuzione alle scuole
di Laura Parigi (19 Dicembre 2008)