Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
INIZIATIVE PER LA SCUOLA

La proposta delleducazione differenziata

Ne parla Alessandra La Marca, Professore ordinario di Didattica e Pedagogia Speciale presso lUniversit degli Studi di Palermo

di Alessandra La Marca
27 Maggio 2009

chiaramente percepibile in molti Paesi - ma particolarmente negli Stati Uniti dAmerica, in Gran Bretagna e in Australia-  un movimento pedagogico, che sostiene la convenienza che i centri scolastici possano scegliere tra diverse forme organizzative della didattica, in base al sesso degli alunni; nel 2004 il movimento ha ottenuto fra laltro una modifica della normativa federale in USA, caldamente sostenuta anche da Hilary Clinton.
Diversi studi infatti hanno dimostrato che anche leducazione differenziata ha i suoi vantaggi; di conseguenza, negli ultimi venti anni sono progressivamente aumentate - pur restando minoritarie - le scuole maschili e femminili, specialmente nei paesi anglosassoni; mentre in quelli latini permane la diffidenza verso tale scelta didattico-organizzativa.
In tutto il mondo sono circa 40 milioni gli alunni che frequentano  210.000 scuole che differenziano la metodologia educativa in base al sesso, come risulta al termine di unindagine internazionale svolta dallEuropean Association Single-Sex Education (EASSE).
Solo in Gran Bretagna ci sono 1902 scuole differenziate per le alunne e gli alunni : 416 state schools (scuole che ricevono fondi pubblici, siano statali o meno) e 676 independent schools.
A Palermo sono due le scuole che adottano il sistema educativo single sex.
Le ragioni a favore delladozione di questa modalit di educazione possono essere riscontrate nel General Certificate of Secundary Schools. Il  rapporto del 2008 segnala infatti che 81 delle 100 scuole con i migliori risultati  adottano il modello  educativo  differenziato per le ragazze e i ragazzi sia nel sistema statale che nel sistema privato. Tra le migliori 10, solo una di educazione mista. Delle 13 state schools che si posizionano tra le migliori 50 del Regno Unito, 10 praticano leducazione single-sex. Sul totale delle migliori 29  state schools, 25 adottano il sistema delleducazione differenziata.
Per esaminare e discutere i risultati della ricerca dellEASSE, il 24 aprile si sono riuniti a Roma, nella sala conferenze della biblioteca nazionale centrale, 300 pedagogisti, psicologi, educatori professionali, docenti e dirigenti scolastici provenienti dai cinque continenti.
Si riportano gli esiti pi significativi dei lavori del  congresso "Modelli di scuola nel XXI secolo: la proposta delleducazione differenziata per le ragazze e per i ragazzi"
Il congresso stato aperto dallon.le Valentina Aprea, Presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati, che ha affermato: "Alle sterili polemiche in casa nostra, occorre sostituire uno sguardo al mondo ponendosi sulla strada degli studi pedagogici gi realizzati da universit e enti di ricerca internazionali". Secondo Aprea, "ogni scuola dovrebbe poter scegliere la forma organizzativa che preferisce per raggiungere il risultato delle pari opportunit di studi" ed anche le famiglie "hanno il diritto di disporre per i propri figli di scuole che valorizzino le loro specificit".
Il dossier presentato dallEASSE ha raccolto i risultati di 112 studi sulleducazione differenziata e sulleducazione mista nel mondo. Le conclusioni di 46 ricerche sono favorevoli alleducazione differenziata (41%); 9 di esse propendono per leducazione mista (8%); 50 non hanno espresso alcuna preferenza; i risultati di 7 ricerche sono diversificati.
 E un modello di organizzazione della scuola che ha futuro perch pu contribuire a risolvere i molteplici problemi che affliggono l'istruzione in tutto il mondo lo ha affermato Josep Barnils presentando i dati dellindagine internazionale svolta dallEuropean Association Single-Sex Education (EASSE), di cui Presidente.
In particolare, questo modello organizzativo ha ottenuto risultati molto positivi nella lotta alla dispersione scolastica nelle zone economicamente pi disagiate.
 Lidea secondo la quale le differenze nellapprendimento di soggetti maschi e femmine sia dovuta allimprinting dato/imposto dal contesto sociale non del tutto fondata ha detto Leonard Sax, noto psicologo americano e direttore esecutivo della National Association for Single-Sex Public Education. "Vi sono" ha proseguito "dei comportamenti ascrivibili a ci che la societ vuole che uomini e donne siano. Tuttavia, esiste un ampio repertorio di ricerche secondo le quali il modo di apprendere dipende dalla differenza di sesso poich tale differenza incide sensibilmente sul funzionamento degli emisferi cerebrali. Nelluomo, come in alcune specie di primati, il cervello seleziona, analizza, conosce la realt in maniera diversa a seconda che il soggetto sia maschio o femmina.
Quella delleducazione differenziata una scelta pedagogica e organizzativa che permette ai due sessi di approfondire meglio le loro caratteristiche e che pertanto contribuisce alla diminuzione degli stereotipi di genere.
Come ha sottolineato Serenella Macchietti, docente di Pedagogia Generale presso lUniversit degli Studi di Siena e presidente onorario dellAssociazione Pedagogica Italiana, lazione educativa, che mira a suscitare persone libere, aperte alla vita e agli altri, capaci di auto-formarsi nel corso dellintera esistenza, afferma la singolarit e lunicit di ogni persona, valorizza le inclinazioni e gli atteggiamenti che nascono dalla  matrice femminile o maschile, senza appiattimenti ed omologazioni. Leducazione, secondo la professoressa, mira a onorare lunicit e loriginalit di ogni persona, escludendo unuguaglianza piatta della donna e delluomo.
Con i dati finora disponibili non   possibile dimostrare sperimentalmente la sicura superiorit delluno o dellaltro modello organizzativo per tutti gli alunni, sempre e in tutti i contesti socio-culturali.
Su un punto convergono comunque i risultati delle ricerche svolte negli ultimi venti anni: le alunne e gli alunni apprendono meglio e imparano a relazionarsi meglio con le persone dellaltro sesso, nelle scuole in cui prevista una diversa articolazione delle attivit educative in base alle differenze sessuali. Nelle classi omogenee" - afferma Klement Polacek, docente emerito di teoria e tecniche dei test presso lUniversit Pontificia Salesiana di Roma "le ragazze non solo raggiungono performance migliori, ma emergono nelle materie tecnico - scientifiche, a loro solitamente precluse per colpa di uno stereotipo di genere.
Anche i ragazzi   senza la concorrenza in classe delle donne che maturano prima, subiscono meno il gender gap.
Sarebbe auspicabile anche in Italia linizio di un fecondo dibattito pedagogico per verificare sperimentalmente quale modello organizzativo-scolastico favorisce meglio il rafforzamento dellidentit di genere negli alunni - ha detto il prof. Giuseppe Zanniello, professore ordinario di Didattica e Pedagogia Speciale presso lUniversit degli Studi di Palermo -, sottolineando che in questo momento tutti gli educatori hanno urgente bisogno di principi orientativi che, nel riconoscere la base fisica delle differenze tra femminilit e mascolinit, promuovano luguaglianza dello sviluppo delle due forme di essere della persona, senza privilegi o subordinazioni.
Io stessa ho spiegato che la scelta della scuola differenziata non comporta la discriminazione di nessuno dei due sessi, al contrario, quando un centro scolastico sceglie di organizzare lattivit didattica in modo differenziato per gli uomini e per le donne mira alleducazione integrale della persona umana e tiene conto delle differenze esistenti nel modo di essere delluomo e della donna.
Da questo punto di vista, "per la realizzazione della parit tra i sessi l'insegnamento ha unimportanza cruciale e ha portato alla piena integrazione delle donne nella scuola con gli stessi requisiti, gli obiettivi e gli obblighi previsti per gli uomini, ha sottolineato Maria Calvo Charro, Presidente dellEasse-Spagna, professore ordinario di Diritto amministrativo presso lUniversit Carlos III di Madrid.
Sheila Cooper, direttore esecutivo della Girls' Schools Association che riunisce 200 state schools femminili, in Gran Bretagna ha messo in evidenza come recenti ricerche in campo neurologico condotte negli Stati Uniti e in Europa hanno confermato che ragazzi e ragazze apprendono in maniera differente, sviluppano e maturano con ritmi differenti.
Ci nonostante le difficolt rimangono. Il Prof. Giuseppe Mari, professore ordinario di Pedagogia Generale presso lUniversit Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha mostrato nella sua relazione i pericoli di unuguaglianza che porta a ununiformit piatta tra maschi e femmine: Ad esempio, considerando cosa ha significato per la donna conseguire luguaglianza con luomo in campo lavorativo. Si trattato sicuramente di una conquista, che ha permesso maggiore autonomia, ma stata pagata con lassimilazione del lavoro femminile a quello maschile non soltanto dov accaduto conseguendo la giusta equiparazione salariale ma anche con la negazione nei fatti della maternit, diventata un ostacolo allaffermazione professionale della donna. In questo ambito diventa importante sostenere e approfondire il crescente riconoscimento della differenza come fattore essenziale per il conseguimento della vera uguaglianza.

In conclusione, la scuola differenziata in base al sesso degli alunni   ipotizzata come una scelta pedagogica e organizzativa che permette ai due sessi di approfondire meglio le loro caratteristiche e che pertanto contribuisce alla diminuzione degli stereotipi di genere.
Inizialmente le classi miste furono viste come un aiuto allemancipazione della donna e come una modalit organizzativa scolastica che avrebbe favorito la nascita di corretti rapporti tra persone di sesso diverso. Purtroppo, al posto dellauspicata coeducazione, si poi realizzata nella scuola solo una prolungata convivenza promiscua senza progettualit pedagogica: una semplice coistruzione che non riuscita ad assicurare luguaglianza tra i due sessi.
Secondo alcuni studiosi, oggi le pari opportunit tra uomo e donna si conseguono meglio quando le alunne non hanno in classe delle presenze maschili che assorbono lattenzione degli insegnanti e limitano lo sviluppo della leadership femminile. Per altri, a scuola gli alunni devono sperimentare le stesse situazioni di collaborazione tra uomini e donne che esistono nella societ. Secondo altri ancora , oggi i ragazzi in classe sono svantaggiati dalleccessiva femminilizzazione del corpo docente e dal pi rapido sviluppo delle compagne.
Il linguaggio usato nei documenti ufficiali dellONU e dell UE negli ultimi anni consente di ipotizzare una scuola neutra per quanto riguarda il genere degli alunni. Non mancano le voci a favore di una scelta della propria identit sessuale in et adulta, senza condizionamenti sociali e scolastici.  evidente che le convinzioni antropologiche influiscono sul modo di concepire leducazione allidentit sessuale e di genere.
Secondo i promotori del congresso, fermo restando che agli uomini e alle donne bisogna offrire le stesse opportunit formative e della medesima qualit, ogni scuola dovrebbe avere la libert di organizzarsi autonomamente, a condizione che accetti la valutazione pubblica dei risultati educativi ottenuti. Si ritiene infatti che la diversit dei modelli educativi, nel rispetto dei principi costituzionali, arricchisca culturalmente le societ e stimoli la ricerca pedagogica. Il dibattito scientifico serve per comprendere le diverse situazioni scolastiche, sociali e personali che giustificano le diverse scelte pedagogiche, nel rispetto dei diritti educativi dei genitori.
Gli atti del congresso sono gi disponibili e distribuiti dalleditore romano Armando.


    

 

 
Articoli correlati

Un convegno dedicato alla voglia di sperimentare
di Raffaella Carla Ragaglini (11 Novembre 2014)

Piccolo è meglio? Si, ma...
di Stefano Penge (14 Ottobre 2014)

La settimana europea della programmazione
di Giovanni Nulli (13 Ottobre 2014)

Coding e scuola primaria
di Caterina Moscetti (13 Ottobre 2014)

Wedebate: un'esperienza in Rete, con e senza filosofia
di Angela Nadia Cattaneo (29 Settembre 2014)

Imparare a disputare per imparare a convivere
di Raffaella Dal Moro (15 Settembre 2014)

Il Primo Torneo Nazionale Palestra di Botta e Risposta
di Adelino Cattani (01 Settembre 2014)

Il dibattito filosofico a scuola
di Luca Bianchi (01 Settembre 2014)

Intervista a Manuele De Conti
di Francesco Vettori (12 Agosto 2014)

Il progetto Elos
di Maria Giuseppa Lo Bianco (19 Maggio 2014)

L'esperienza in prima persona della controversia
di Francesco Vettori (14 Maggio 2014)

Da gioco del contraddittorio a percorso formativo
di Claudia Cristoforetti (14 Maggio 2014)

La verifica di una sperimentazione a scuola
di Laura Simeon (14 Maggio 2014)

Concorso multimediale HUB School
di Isabel de Maurissens (02 Aprile 2014)

Laula sperimentale Feng Shui dellI.C. San Giorgio
di Ugo Zavanella (01 Aprile 2014)