Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
MEDIA EDUCATION

La seconda rivoluzione: le nuove tecnologie entrano in classe

Per due giorni a Cambridge si sono riuniti esperti da tutto il mondo per disegnare i nuovi scenari aperti dalla diffusione delle LIM (sintesi delle sessioni plenarie)

di Leonardo Tosi
17 Luglio 2009

Si tenuto dal 29 al 30 giugno presso lUniversit di Cambridge il convegno internazionale RITWIT (Research Into Teaching with Whole class Interactive Technologies), interamente incentrato sulluso delle ICT in classe con un focus particolare sulluso della Lavagna Interattiva Multimediale (LIM). Calato nel verde della campagna inglese il funzionale e modernissimo Moller Centre della facolt di Scienze dellEducazione ha ospitato 88 delegati provenienti da Universit di tutto il mondo (dallAustralia agli Stati Uniti, dalla Nuova Zelanda al Messico, dalla Finlandia allUngheria), enti governativi, istituti di ricerca, scuole di eccellenza (principalmente inglesi), che si sono confrontati nelle presentazioni ufficiali, nelle sessioni scientifiche parallele, negli workshop e nei numerosi momenti di confronto informale condividendo e approfondendo esperienze, rapporti di ricerca e soluzioni tecnologiche per la classe del terzo millennio.

Mal Lee, autore del recente The Interactive Whiteboard Revolution: Teaching With IWBs e membro del comitato di esperti che ha individuato le competenze chiave per il sistema scolastico australiano, ha aperto il convegno tracciando lo scenario di sfondo della due giorni di sessioni. Lee ha messo in evidenza il ruolo della LIM (considerata dallautore solo un cavallo di troia per una pi ampia e pervasiva rivoluzione tecnologica) come elemento chiave nel percorso di integrazione e diffusione delle ICT nellattivit di insegnamento/apprendimento: per la prima volta dopo la lavagna dardesia una tecnologia entra in classe condizionando tutti gli aspetti legati allambiente di apprendimento e alla pratica didattica quotidiana. Con la LIM ha inizio un percorso che porta in classe quella convergenza digitale che permette al docente di avere simultaneamente e contestualmente a disposizione le potenzialit dei nuovi linguaggi e di tutti i media che prima richiedevano contesti e supporti specifici e differenziati.
Siamo ad un punto di svolta - dice Lee poich per la prima volta nella storia delleducazione non ci sar solo un gruppo ristretto di docenti-pionieri o una lite di appassionati di ICT: la LIM riguarda tutti i docenti delle scuole di ogni ordine e grado.
Anche per il settore produttivo privato dellInformation Technology lo scenario cambia: non vengono pi progettate tecnologie per il consumer generico o per il settore business, ma esplicitamente per lambito educational, con compagnie che sviluppano un know-how specifico per il settore e annoverano tra il proprio personale aziendale instructional designer, docenti e ricercatori impegnati per dotare la scuola degli strumenti per lapprendimento di domani.
I tempi e le modalit per lattuazione effettiva delle potenzialit della LIM e i possibili modelli per lintegrazione in classe di tecnologie correlate sono stati oggetto degli interventi che si sono susseguiti durante il convegno.

Tra i progetti in rassegna assume particolare rilevanza Enciclomedia presentato dai ricercatori dellistituto messicano responsabile per la collaborazione con lUNESCO. Il progetto ha prodotto lelaborazione dellintero curriculum scolastico delle varie discipline in forma di risorse didattiche digitali. Liniziativa (il cui iter generale attualmente in fase di revisione) stata successivamente potenziata con un massiccio investimento da parte del governo messicano volto a diffondere le LIM in modo capillare nelle classi dell scuole del Messico.
In particolare stato illustrato un rapporto di ricerca condotto su 20 lezioni in classe in diverse discipline scolastiche, che ha previsto lutilizzo di strumenti metodologici di tipo etnografico nellambito di un contesto teorico socio-culturale. Le lezioni sono state interamente video-registrate, le azioni e i dialoghi tra docenti e studenti sono stati trascritti mettendo a confronto la quantit e la qualit delle interazioni sviluppate allinterno di classi in cui si utilizzava la lavagna dardesia rispetto a classi in cui si utilizzava la LIM da almeno tre anni.
I primi risultati del rapporto (di prossima pubblicazione) evidenziano come luso della LIM favorisca livelli pi elevati di interazione in classe quando i ragazzi sono messi nelle condizioni di manipolare contenuti multimodali e come tali interazioni risultino significative quando i docenti riescono a guidare gli studenti nel costruire e nellesprimere la propria conoscenza in funzione di obiettivi prefissati dal docente. Tali interazioni significative sono contraddistinte da cicli di sequenze stimolo-risposta-feedback che, invece di spezzarsi in catene chiuse di domanda-risposta, innescano un continuum di costruzione dialogata della conoscenza.
I risultati dello studio, basati sullanalisi di sequenze di eventi comunicativi che si sviluppano allinterno della classe, risultano particolarmente interessanti se combinati con il rapporto di ricerca relativo alla scuola primaria pubblicato da BECTA nel 2007 e condotto da Bridget Somekh della Manchester Metropolitan University, in cui invece venivano misurati i risultati scolastici degli alunni dai 5 agli 11 anni (rilevando mediamente miglioramenti, anche se lievi, correlati alluso della LIM in classe). Anche in questo studio lutilizzo della LIM per almeno due anni continuativi considerato un aspetto centrale.
I due studi citati assumono una particolare importanza poich considerano per la prima volta gli effetti delluso della LIM in classe sugli aspetti comunicativi e sui risultati scolastici, andando oltre le semplici considerazioni relative alla percezione del docente, ai livelli di attenzione, motivazione e partecipazione (aspetti, questi ultimi, evidenziati gi in studi precedenti anche quando lattivit in classe analizzata copre periodi pi brevi e quando i docenti non possiedono unesperienza consolidata di uso della LIM).

Un altro caso nazionale interessante, presentato da Piroska Bir dellUniversit di Debrecen, riguarda lUngheria, in cui il piano di sviluppo nazionale sta introducendo (entro il 2010) 42.000 LIM nelle scuole ungheresi. Gli aspetti nodali del processo innescato dal piano nazionale risultano essere il modello di formazione rivolto ai docenti e i nuovi contenuti digitali necessari per supportare il processo di innovazione. In questo contesto in Ungheria esperti ed editori stanno lavorando per sviluppare i nuovi contenuti didattici digitali necessari per supportare una svolta epocale mentre in parallelo in atto un processo di riforma e revisione dei programmi scolastici per far fronte allesigenza sempre pi pressante di poter mettere a disposizione delle scuole una sorta di curriculum digitale.
 
Molto ampia la finestra dedicata dal convegno alle nuove competenze professionali dei docenti. Modelli di formazione efficaci ed adeguati ai bisogni formativi e metodologie didattiche maggiormente student-centred sono emersi come i due ingredienti fondamentali in grado di innescare processi di innovazione e miglioramento nel medio-lungo periodo. Definitivamente tramontata sembra invece la popolarit delle tradizionali forme di certificazione delle conoscenze informatiche basate su specifici pacchetti di applicativi, per approdare invece a forme di patente pedagogica delle ICT, che mirano a riconoscere le competenze di docenti in grado di integrare efficacemente le nuove tecnologie nella pratica didattica e migliorare la qualit dellinsegnamento della propria disciplina.

Se esiste ancora una diversa enfasi e perfino una dicotomia tra modelli di formazione tecno-centrici basati sullapprendimento delle funzioni di particolari software e modelli maggiormente orientati al supporto metodologico on the job, c invece una generale convergenza sulle metodologie didattiche ritenute pi efficaci nella nuova scuola digitale. In tal senso sono stati presentati come buone pratiche esempi di lezioni in cui il docente stato in grado di supportare, stimolare e sviluppare in modo efficace la partecipazione attiva degli studenti in processi di costruzione della conoscenza condivisi riuscendo a coinvolgere attivamente e continuativamente tutta la classe. In questo sta la vera sfida della classe digitale: nel conciliare lesigenza di un insegnamento/apprendimento in aula inevitabilmente simultaneo (ma sviluppando modelli in cui gli alunni mantengono un alto livello di partecipazione e coinvolgimento nella lezione) con le possibilit di personalizzazione offerte dalle ICT in percorsi che si realizzano per buona parte al di fuori della classe (a casa, nei nuovi spazi dellextra-classe dotati di libri, risorse digitali ed accesso ad Internet, ma anche negli ambienti dellextra-scuola come le biblioteche per studenti dotate di centri multimediali, aree collaborative e punti di accesso wireless).

Nelle sessioni parallele sono state presentate esperienze di uso delle LIM e delle ICT con un focus specifico sulluso di tecnologie e di software in diversi ambiti disciplinari. La maggioranza degli interventi prevedevano la presentazione di esperienze condotte da docenti in collaborazione con professori universitari con una formula che ha arricchito il dibattito e lanalisi dei risultati. Sono stati presentati nuove ipotesi di setting e nuove modalit di utilizzo delle ICT per lapprendimento: dalluso di risponditori e dispositivi a distanza personalizzati, alluso di tavoli interattivi touch-screen, alluso didattico di console per videogiochi, alluso di iPod nellinsegnamento della letteratura, a modelli che prevedono luso di connessioni in videoconferenza insomma attorno alla LIM si crea un indotto di tecnologie correlate che si offre alle competenze e alla professionalit del docente in ricerca di soluzioni creative e modelli di apprendimento sostenibili ed efficaci.

Altro piatto forte della prima giornata stato lintervento in plenaria di Niel McLean, Direttore Esecutivo di BECTA, lagenzia governativa che nel Regno Unito promuove linnovazione educativa attraverso luso delle nuove tecnologie. Dallintervento emerge lalto livello della penetrazione delle ICT nelle scuole del Regno Unito con il 73% dei docenti inglesi che utilizza regolarmente la LIM in classe.
Dopo il massiccio piano di diffusione delle LIM nelle scuole, implementato negli scorsi anni, lesigenza di recuperare il ritardo tecnologico non pi lobiettivo principale. La priorit adesso rappresentata dal digital divide tra le possibilit di accesso alle nuove tecnologie da parte delle scuole e le possibilit di accesso delle famiglie a casa. Lattenzione dellagenzia governativa pertanto rivolta ad assicurare labbattimento delle barriere che si interpongono allo sviluppo concreto di nuove modalit di apprendimento pi appropriate allo scenario culturale, sociale e professionale del nuovo millennio attraverso la partecipazione attiva alla vita scolastica e alla sfera dellapprendimento da parte dellintera comunit scolastica. Il coinvolgimento della comunit scolastica prevede che gli studenti siano in grado di lavorare da casa in stretta connessione con lattivit in classe grazie alle estensioni online delle scuole e alle potenzialit didattiche delle LIM in classe ma anche attraverso la possibilit di usare le ICT e di accedere ad internet da casa. Registro elettronico, valutazioni dei ragazzi accessibili online dalle famiglie tramite accessi protetti, Learning Management System scolastici, siti web scolastici in grado di offrire tutte le informazioni in modo chiaro e strutturato e attivare canali di comunicazione e partecipazione per le famiglie: se tutto questo ormai una realt per la maggioranza delle scuole del Regno Unito non si pu dire altrettanto per le famiglie degli studenti e tale gap rischia di vanificare la possibilit di usare le ICT in modo pervasivo per lapprendimento scolastico.

Sono queste le motivazioni dellimponente progetto Home Access (2008 2011) che prevede un finanziamento di 300 milioni di sterline per garantire una comune base di partenza che permetta ad ogni studente dai 5 ai 18 anni di avere le stesse possibilit di uso delle ICT e accesso da casa a supporto del proprio percorso di apprendimento scolastico. Il progetto il logico proseguimento della strategia che ha portato le ICT nelle scuole e nelle classi (principalmente con i piani di diffusione delle LIM) nellultimo quinquennio e che, dopo una fase di analisi di apposite task-force, ha focalizzato lattenzione sullabbattimento delle barriere allaccesso come elemento indispensabile per riuscire a dar vita ad un apprendimento innovativo in grado di non escludere nessuno.

Lintervento di Niel McLean si basato su alcuni dati risultanti dalla recente indagine condotta da Ipsos MORI su un campione significativo di studenti di scuole primarie e secondarie inglesi relativamente alle modalit di apprendimento in classe. Tra laltro, sono stati messi a raffronto i risultati di 2 domande poste ai ragazzi:

In base alle risposte date dai ragazzi alla domanda 1 su quale fosse il comportamento effettivo pi frequente in classe sono emersi ai primi 4 posti:

1) Copiare dalla lavagna o da un libro (52%);
2) Ascoltare un insegnante che parla per lunghi periodi di tempo (33%);
3) Discutere in classe (29%);
4) Prendere appunti mentre linsegnante parla (25%).

In base alle risposte date alla domanda 2 su quali fossero le modalit in cui glialunni preferivano apprendere sono emersi ai primi 4 posti:

1) In gruppi (55%);
2) Svolgendo attivit pratiche (39%);
3) Con gli amici (35%);
4) Usando il computer (31%).

In questo secondo caso la risposta apprendere copiando stata tra le meno gettonate con l8% delle risposte, a conferma che le modalit con cui gli alunni vorrebbero sviluppare il loro percorso di studio scolastico sono ben diverse da quelle effettivamente attuate durante le lezioni in classe. Lavversione e il disinnamoramento che si manifesta da parte degli alunni verso la scuola sembra concludere McLean - non riguarda listruzione scolastica in s quanto le modalit con cui tale istruzione viene impartita.

Lultima presentazione in plenaria ha previsto lintervento del delegato di uno dei paesi europei che le prove comparative OCSE-PISA pongono ai primi posti nella valutazione delle competenze acquisite dai quindicenni scolarizzati, la Finlandia. Karen Littleton dellUniversit di Jyvaskyla ha tirato le fila focalizzando i temi pi importanti emersi dal dibattito e dagli interventi del convegno sottolineando la necessit di un nuovo approccio allistruzione scolastica che preveda in classe maggiori livelli di interazione significativi con la necessit di sviluppare strategie dialogiche (collaborative, reciproche, supportive, cumulative e propositive) e di supportare la personalizzazione dellapprendimento degli alunni al di fuori della classe. Il nodo torna ad essere quello di nuovi modelli in grado di permettere concretamente un ruolo attivo degli alunni nel percorso scolastico in contesti che prevedono perlopi modalit di insegnamento simultaneamente rivolte a pi studenti.
Su questi aspetti si sono svolte infine 8 sessioni di workshop parallele in cui i partecipanti hanno confrontato le proprie esperienze, individuato i punti critici e il valore aggiunto delle pratiche e delle tematiche toccate nel seminario e discusso su quali siano i modelli e le strategie pi efficaci per supportare i processi di innovazione.
La figura di docente che emerge dal dibattito quella di un professionista dellistruzione dotato delle competenze digitali necessarie per vivere consapevolmente nella societ contemporanea, che in grado di accogliere linaspettato, di dare significato a ci che non necessariamente pre-strutturato in un libro, di utilizzare la propria professionalit e la propria competenza disciplinare per promuovere lapprendimento dando voce alle domande inaspettate degli alunni e guidando i loro spunti e le loro discussioni in un percorso di crescita e di conoscenza.

Un filo conduttore riscontrabile nei vari interventi del convegno quello di un uso efficace del digitale per supportare nuove modalit di apprendimento e migliorare i risultati scolastici accompagnato dalla capacit di agire concretamente le nuove competenze chiave nella vita personale e professionale di tutti i giorni.
Come gi Marc Prensky ha sottolineato nei suoi ultimi lavori ormai sempre meno rilevante la distinzione tra nativi digitali e migranti digitali su cui si sono consumati fiumi di inchiostro e  parole negli ultimi cinque anni: il concetto di base dice Prensky - ormai quello di Digital Wisdom, cio la capacit di saper comprendere il valore aggiunto del digitale nel proprio specifico contesto professionale e quindi di saperlo integrare e utilizzare efficacemente.
In questo ambito non rilevante che le ultime generazioni, nate in un brodo digitale, abbiano una maggiore naturalezza nellutilizzo di dispositivi digitali e tecnologie di rete se tale uso resta superficiale e inconsapevole ed esclusivamente orientato al divertimento. Se le generazioni precedenti fanno pi fatica ad acquisire competenze di questo tipo, ci non impedir (al contrario la condizione di migranti digitali pu favorire una attitudine consapevole) di poter sviluppare uno spirito critico nei confronti delluso delle ICT, di esplorarne le effettive potenzialit didattiche, di dare loro il giusto posto nellambiente di apprendimento, di definirne modalit strutturate di utilizzo che siano finalizzate ad un apprendimento migliore rispetto al passato.
In questo senso il convegno di Cambridge lancia un segnale che rappresenta una linea di svolta nelluso delle tecnologie nella didattica: le ICT si candidano ad essere anche per la scuola (come per il resto della societ) la nuova normalit in un futuro non molto lontano, coinvolgendo tutto il sistema scolastico in un processo di trasformazione di cui si vedono i bagliori allorizzonte e che coinvolger contenuti, docenti, alunni, famiglie e  lorganizzazione scolastica nel suo complesso.

 

Bibliografia

 AA.VV., Extending Opportunity - Home Access Taskforce Report, BECTA, 2008
 Lee M., Betcher C., The Interactive Whiteboard Revolution: Teaching With Iwbs, Australian Council for Educational Research, 2009
 Lee M., Winzenried A., Use of Instructional Technology in Schools, Australian Council for Educational Research, 2009
 Prensky M., H. Sapiens Digital - From Digital Natives and Digital Immigrants to Digital Wisdom, in Innovate, Feb-Mar 2009
 Prensky M., Open letter to the Obama administration, in Educational Technology, Mar-Apr 2009
 Somekh B. et alii, Evaluation of the Primary Schools Whiteboard Expansion Project, BECTA, 2007
 Wallace E., Smith K., Pye J., Crouch J., Ziff A., Burton K., Extended School Survey of Schools, Pupils and Parents, Department for Children, Schools and Families, 2009

 
Articoli correlati

Social network, narrazioni e identità digitali
di Redazione (15 Giugno 2015)

Il tablet e linclusione scolastica
di Silvia Panzavolta (31 Ottobre 2014)

Manipolare quel che si crea, un altro modo per imparare
di Lorenzo Guasti (18 Luglio 2014)

Quando la classe è digitale
di Elena Mosa (01 Luglio 2013)

Soluzioni di apprendimento e tecnologie didattiche
di M. Gentile, G. Filosi, M. R. Gaetani, F. Pisanu (12 Dicembre 2012)

Rappresentare la conoscenza
di Francesco Vettori (05 Luglio 2012)

Dalle mappe concettuali allo spazio digitale
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

I database digitali e la carta geografica
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

Dalle digital skills alla digital competency
di Elena Mosa (02 Aprile 2012)

Il contributo dellUnione Europea per ogni europeo digitale
di Fiora Imberciadori (02 Aprile 2012)

A colloquio con lEuropa sulle classi creative
di Elena Mosa (01 Aprile 2012)

Intervista al Prof. Alfonso Molina
di Francesco Vettori (30 Marzo 2012)

Il valore educativo delle dinamiche del gioco
di Andrea Benassi (21 Febbraio 2012)

Visible Thinking, Slow Learning
di Isabel de Maurissens (30 Gennaio 2012)

Crossmedialità e apprendimento
di Isabel de Maurissens e Silvia Panzavolta (30 Settembre 2011)