Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
INIZIATIVE PER LA SCUOLA

Hellerup: la scuola senza banchi

Un modello che ha preso forma e si materialmente realizzato secondo le parole chiave collaborare e individualizzare

di Giuseppe Moscato e Leonardo Tosi
30 Ottobre 2012



La scuola di Hellerup costruita a un passo dal mare. Dalle finestre si pu vedere il porto industriale di Copenaghen. La scuola, costruita nel 2003, nasce come proposta molto innovativa: disegnare un nuovo spazio di apprendimento per gli alunni del comune di Hellerup che dovranno frequentare la Folkeskole (scuola a ciclo unico che accoglie alunni dai 6 ai 16 anni).
La scuola viene progettata con la partecipazione di esperti e degli stessi utenti del servizio scolastico: architetti, pedagogisti, rappresentanti delle istituzioni locali, ma anche dirigenti scolastici, docenti e famiglie.

Gli alunni al centro dello spazio
Il nuovo ambiente di apprendimento vede gli alunni al centro dello spazio, liberando la scuola dai retaggi del modello tradizionale della scuola di massa. Nel nuovo spazio non c laula-classe, intesa come un microcosmo chiuso, fatto di convenzioni e meccanismi consolidati. Cos non c posto neanche per il banco, inteso come tavolo su cui scrivere e leggere soltanto per confezionare saperi di breve durata, che si disperdono dopo le interrogazioni.
Attraverso una serie reiterata di workshop partecipativi, in cui partecipano tutti gli attori coinvolti, il modello prende forma: grandi spazi aperti personalizzabili con arredi flessibili utilizzabili per creare ambienti per il lavoro di gruppo o individualizzato e per la condivisione tra gruppi diversi della stessa classe. Gi perch la classe (resta, intesa come gruppo di alunni della stessa et) lavora in contaminazione con i gruppi di et contigui e con ampi momenti di verticalit. I docenti specializzati nellinsegnamento delle discipline sono affiancati dalla figura del pedagogista. Si cerca in questo modo di osservare e valutare le fasi dello sviluppo dellalunno per predisporre unazione educativa e didattica adeguata.
Un team di docenti disciplinaristi e pedagogisti segue tre classi di et contigue nei primi anni della Folkskole, quando si tratta di seguire in modo pi attento e continuo i passi dello sviluppo del bambino. Negli ultimi anni gli alunni avranno acquisito maggiore responsabilit e capacit collaborativa e il modello cambia in funzione dellautonomia via via raggiunta dallalunno.

A scuola come a casa
La scuola fatta di case interne. Gruppi di alunni di tre classi di et contigue condividono una casa con una propria cucina, aree per il relax con grandi cuscini, tavoli e zone per il lavoro individuale e di gruppo. La home-base una area esagonale non molto grande, quanto basta affinch il docente e il suo gruppo-classe possano incontrarsi e sedersi informalmente sui gradoni dellesagono per condividere le indicazioni del lavoro da svolgere, i dubbi, i momenti di sintesi e la condivisione dei percorsi. Accanto alle case in cui trovano dimora pi gruppi classe esistono degli spazi unici per tutti gli alunni. E il caso dal Kulturium, un grande atelier a disposizione di alunni e docenti, delle aree laboratori ali (lOpus come atelier musicale, il laboratorio con attrezzature e strumentazioni specialistiche o il Naturium per le lezioni di fisica, chimica e biologia) o ancora dellUniversum. LUniversum larea della conoscenza, dove gli alunni possono attingere a fonti informative di ogni tipo: biblioteca, Internet e altre risorse che possono risultare utili per il percorso di studio.
Dunque si tratta di una struttura a incastro che combina le case degli alunni con macroaree uniche di riferimento e aree riservate ai docenti e alla loro attivit di progettazione e condivisione. Larea riservata ai docenti e ai pedagogisti contigua agli spazi in cui lavorano gli alunni, nellottica della presenza e vicinanza continua, dotata degli strumenti di lavoro necessari ai docenti ed adiacente alle aree in cui lavorano i ragazzi.

Lo spazio al servizio della didattica
Gli spazi sono flessibili e una grande scala attraversa in verticale i piani della scuola. Anche le scale non sono scale, sono considerate parte dello spazio abitabile dove i ragazzi possono incontrarsi, sedersi, confrontarsi con i compagni e con i docenti. I computer sono sistemati in gruppi formati da 4 o 5 unit. Lo spazio organizzato per essere aperto e modificato in qualsiasi momento. Larredamento modulare serve a creare contesti diversi e appropriati. Si puo allestire un piccolo teatro o un finto set di uno studio televisivo.
Individualizzazione e collaborazione sono le parole chiave del modello pedagogico-didattico. Ciascun alunno ha un proprio piano di studi, aggiornato di comune accordo tra docente e ragazzo: il docente discute con lalunno degli obiettivi da raggiungere, dei progressi fatti e di come continuare in un percorso di crescita continua. Gli alunni hanno poi un proprio portfolio che raccoglie i lavori fatti costruendo passo dopo passo il percorso di avanzamento di ciascuno. I momenti di spiegazione frontale non sono omnicomprensivi: la mattina il docente si riunisce con il suo gruppo di alunni nella home-base per circa venti minuti per riepilogare lo stato di avanzamento e concordare le attivit da svolgere nelle ore successive. Dopo il momento di plenaria i ragazzi escono dallesagono e cercano unarea ad hoc per svolgere le attivit previste. Al termine dellanno lobiettivo trasversale dei docenti che gli alunni sappiano lavorare sia autonomamente da soli, sia e assieme ai compagni.
Ci che salta pi allocchio sono i bambini che si muovono su e gi per la scuola, bevono lacqua dal rubinetto del lavandino, aiutano il cuoco a preparare la tavola, studiano in coppia seduti sulle scale. Non mancano quelli che si spostano a bordo di uno skateboard o di un monopattino.. eppure non c caos, non c confusione. La sensazione insomma di essere in un unico grande appartamento, nel quale vive una grande famiglia. Ma dietro a questa organizzazione che ci mostra degli aspetti per certi versi affascinanti ci sono ragioni e strategia pedagogiche che giustificano un tale equilibrio sia sul piano educativo che su quello sociale.

 
Articoli correlati

Un convegno dedicato alla voglia di sperimentare
di Raffaella Carla Ragaglini (11 Novembre 2014)

Piccolo è meglio? Si, ma...
di Stefano Penge (14 Ottobre 2014)

La settimana europea della programmazione
di Giovanni Nulli (13 Ottobre 2014)

Coding e scuola primaria
di Caterina Moscetti (13 Ottobre 2014)

Wedebate: un'esperienza in Rete, con e senza filosofia
di Angela Nadia Cattaneo (29 Settembre 2014)

Imparare a disputare per imparare a convivere
di Raffaella Dal Moro (15 Settembre 2014)

Il Primo Torneo Nazionale Palestra di Botta e Risposta
di Adelino Cattani (01 Settembre 2014)

Il dibattito filosofico a scuola
di Luca Bianchi (01 Settembre 2014)

Intervista a Manuele De Conti
di Francesco Vettori (12 Agosto 2014)

Il progetto Elos
di Maria Giuseppa Lo Bianco (19 Maggio 2014)

L'esperienza in prima persona della controversia
di Francesco Vettori (14 Maggio 2014)

Da gioco del contraddittorio a percorso formativo
di Claudia Cristoforetti (14 Maggio 2014)

La verifica di una sperimentazione a scuola
di Laura Simeon (14 Maggio 2014)

Concorso multimediale HUB School
di Isabel de Maurissens (02 Aprile 2014)

Laula sperimentale Feng Shui dellI.C. San Giorgio
di Ugo Zavanella (01 Aprile 2014)