Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
STRATEGIE COMUNICATIVE

Una soglia sociologica: la comunicazione come conoscenza

Luca Toschi, direttore editoriale di Indire, docente presso l'Universit degli Studi di Firenze, ricorda Balducci e le sue idee sulla comunicazione

di Elisabetta Mughini
04 Ottobre 2004

Ernesto Balducci nacque il 6 agosto 1922 a Santa Fiora, un paese medievale di memorie storiche sul Monte Amiata. La sua era una famiglia di minatori; vi rimase fino a quando, dodicenne, per  linteressamento di un suo compaesano, riusc ad entrare  nel seminario degli Scolopi, a Firenze. Pot cos continuare gli studi. Fattosi prete lo rester fino alla morte (1992), nonostante i tanti attacchi che gli vennero dalla chiesa.
Domenico Bulgarini, lamico che laiut a trasferirsi nel capoluogo toscano, era il noto editore e scrittore: fu quasi un segno premonitore dellimportanza che avrebbe avuto nella vita di questo ragazzo quella che, molti anni dopo, si sarebbe definita comunicazione.

Il telefono strumento per costruire comunit
Quella mattina che padre Ernesto Balducci mi chiam su, nello studio che aveva alla Badia Fiesolana, accanto allUniversit Europea, il suo telefono squillava in continuazione: lui rispondeva sempre. Mi aveva invitato, la sera prima, ad una riunione della rivista Testimonianze, poi, appunto, la mattina successiva, prestissimo, ecco la telefonata per lincontro. Lo raggiunsi subito, e fra quegli infiniti squilli mi fece linaspettata proposta di collaborare al suo progetto di cultura della pace, in particolare alla casa editrice. Accettai; come si risponde ad una telefonata.
Da allora, finch mor improvvisamente, feci del mio meglio per imparare da lui un nuovo modo di concepire la comunicazione. E Balducci continu ad esserci sempre per il telefono: nessuna riunione gli impediva di rispondere. Lo ammetteva: non poteva fare altrimenti. Una scelta che alcuni tendevano a interpretare come la risposta ad uno squillo morale: un dover essere sempre e comunque a disposizione. Ma non credo fosse cos.
Balducci, semplicemente, considerava la comunicazione fondamentale: e il telefono ne rappresentava uno strumento potente. In particolare loralit, che ancora troviamo nei suoi scritti, che ben ricorda chi ha avuto modo dascoltarlo in pubblico, che ha fatto di un suo programma radiofonico sui minatori dellAmiata un classico: era il motore del suo pensiero e della sua azione; due elementi per Balducci inscindibili. La sua oralit coinvolgeva chiamando alla partecipazione, dava libert di pensiero mentre costruiva comunit. Non escludeva il singolo o i gruppi, prefigurava la rete. Del resto il computer lo volle subito. Ne lamentava soltanto linutile macchinosit.
Un modo di concepire la comunicazione in cui non era difficile risentire gli echi dellesperienza da lui fatta da bambino quando, al ricordato, poverissimo paese di Santa Fiora, sulle pendici del vulcano (il suo villaggio/isola, la metafora da lui amata), giungeva la corriera proveniente dalla piana. Era lavvenimento che fermava la vita normale del giorno, a cui tutti volevano partecipare: tutti le andavano intorno per sapere e subito commentare, chiosare: uno strumento di comunicazione che faceva, di per s, comunit. Per questo Balducci si fece scrittore, incredibilmente prolifico, ma anche editore, dedicando gli ultimi anni della sua vita alla creazione e allo sviluppo di quella casa editrice che volle chiamare Edizioni Cultura della Pace (ECP).

La comunicazione come connettivo laico delle diversit
La comunicazione parola etimologicamente densa di riferimenti; fra questi, quello, area religiosa, di pasto sacro della sera, evento che fa comunit, che sancisce lessere comunit fra gli uomini e fra gli uomini e dio (da qui il contrario: scomunicare). Comunicazione come nervo laico, vitale delluomo planetario, di cui Balducci fu tra i primi a parlare cercando di conciliare universale e particolare in cerca di unintelligenza collettiva, direbbe Lvy, o connettiva potremmo dire oggi: la sola capace di salvare luomo dagli strumenti di autodistruzione di cui si fatto autore.
Comunicazione quindi non come avvilimento, annullamento delle diversit (i diritti offesi del mondo dei poveri e poveri lo si pu essere in molti sensi - non lo si azzera con un ecumenismo comunicazionale o comunicativo) bens come reciprocit, scambio, osmosi bidirezionale in nome di un destino comune, da costruire insieme. Origine etimologica poi tradita da un uso moderno che ha teso a sottolinearne lunidirezionalit, quasi limposizione, magari a livello occulto, che si esercita sulla mente, sulle coscienze, sulla volont degli uomini attraverso i mass media. Il ricorso, davanti allaffermarsi delle nuove tecnologie della comunicazione, ad un espressione come new media ha significato il tentativo di reagire a tale prospettiva, rilanciando la possibilit di un ruolo attivo, creativo, propositivo del soggetto (sia privato che pubblico).
Del resto per ironia della Provvidenza, come Balducci amava dire, quando era stato inviato in esilio per le sue prese di posizione teologico-religiose e politiche lontano da Firenze ed era finito nella Roma di papa Giovanni XXIII, avendo il privilegio di poter assistere da vicino a quellevento eccezionale (anche da un punto di vista mediatico) che fu il Concilio Vaticano II.  

La comunicazione per varcare la soglia del passato e costruire l'inedito
La comunicazione cos non come strumento per comunicare il pensiero, la conoscenza, ma come strumento, modalit,  per conoscere, come ricerca e costruzione di significati.
Soglia: la metafora che, proprio perch oggi assai diffusa, fino allabuso, continua ad emergere in tutta la sua problematicit dai ricordi e dagli scritti di Balducci.
Andare oltre la soglia, abbandonare cio la cultura del passato per unaltra totalmente inedita. La scuola della pace nella cui realizzazione era impegnato al momento di morire, aveva uno dei punti qualificanti nella formazione alla comunicazione; ma di tipo inedito, come inedito avrebbe dovuto farsi luomo, se voleva salvarsi dai propri istinti autodistruttivi. Una comunicazione intesa non come un mezzo di per s imparziale, neutrale; qualificabile solo in base ai contenuti che veicola o alluso che se ne fa. Una comunicazione, al contrario, ontologicamente nuova, che pu esistere soltanto oltre la soglia che continua a dividere la preistoria delluomo dalla sua storia, ancora tutta da scrivere. Questa impostazione mi parve allora rivoluzionaria; e sempre pi rivoluzionaria mi parsa col passare del tempo, con laffermarsi, in particolare, di tecnologie della comunicazione allora solo sperimentali se non impensabili.


La comunicazione come conoscenza
Cfr. Ernesto Balducci, Testimonianze, luglio-settembre 1992 e L. Toschi., Una soglia sociologica: la comunicazione multimediale, in La comunicazione come antidoto ai conflitti: dalle relazioni interpersonali alle dinamiche sociali, a cura di E. Cheli, Punto di fuga editore, Cagliari 2003, pp. 393-403.
[torna]

Balducci nacque il 6 agosto 1922 a Santa Fiora
Ai margini tra la miseria e la povert: viene ordinato sacerdote il 26 agosto 1945. Nella Firenze, appena liberata dallesercito nazi-fascista, inizia l'insegnamento alle Scuole Pie Fiorentine e frequenta la Facolt di Lettere e Filosofia.
Vi si laurea nel 1950 con Attilio Momigliano.  Conosce Giovanni Papini, Piero Bargellini, Nicola Lisi e Benvenuto Matteucci, ma soprattutto inizia lamicizia con Giorgio La Pira, il futuro sindaco di Firenze, che si riveler fondamentale. Diventa amico di Mario Gozzini e Gian Paolo Meucci.
Nel 1957 Balducci a Milano, invitato dal vescovo, Giovan Battista Montini, futuro papa, insieme a padre David Maria Turoldo e a don Primo Mazzolari.  Tramite interventi alla radio fa conoscere in Italia il pensiero di Teilhard de Chardin e quello di Emmanuel Mounier, il fondatore della rivista Esprit. Nel 1958 fonda la rivista Testimonianze con amici che fanno parte del Cenacolo (fra i quali, Mario Camagni Vittorio Citterich, Lodovico Grassi, Federico Setti, Danilo Zolo).
[torna]

Fattosi prete lo rester fino alla morte (1992)
Il 27 aprile del 1992 si svolge nel duomo di Firenze, la liturgia funebre per Ernesto Balducci, morto in un incidente dauto, a Faenza, due giorni prima. Celebra, davanti ad una folla immensa di persone, lArcivescovo Piovanelli.
Il 25 febbraio 1995 alcuni dei suoi amici e collaboratori ha dato vita ad una Fondazione intitolata al suo nome con lo scopo di custodirne il suo patrimonio librario e archivistico, di raccoglierne e pubblicarne gli scritti, di coordinare l'attivit delle realt che si richiamano al suo impegno e di tentare di mettere con umilt a frutto il seme lasciato da una personalit cos ricca e poliedrica (http://www.fondazionebalducci.it/).
Fra i suoi numerosi e fortunati scritti: Cristianesimo e cristianit, Morcelliana, Brescia 1963; La Chiesa come eucarestia, Queriniana, Brescia 1969; Diario dell'esodo, Vallecchi, Firenze 1971; L'uomo planetario, Camunia, Milano 1985; Le trib della terra, ECP, San Domenico di Fiesole 1991; La terra del tramonto, ECP, S. Domenico di Fiesole 1992 Montezuma scopre l'Europa, ECP, S. Domenico di Fiesole 1992. Nella collana Enciclopedia della pace, sempre delle ECP, pubblica i profili di Giorgio La Pira (1986), Gandhi (1988) e di Francesco D'Assisi (1989).
[torna]

Edizioni Cultura della Pace (ECP)
La sua perdita di fiducia circa le possibilit di riforma della Chiesa, a suo parere incapace di uscire da una visione ecclesiocentrica, lo spinge ad approfondire la propria ricerca  sulla secolarizzazione, svolta antropologica, planetaria, studi che distinguono i suoi lavori degli  anni Ottanta.
Nel 1986 fonda la casa editrice Edizioni Cultura della Pace (ECP) che rappresenta il suo impegno pi significativo degli ultimi anni (fondamentali le collane: l'Uomo Planetario, Enciclopedia della Pace, Caravelle ideate per il cinquecentenario della scoperta dell'America). Chiama a collaborare alla direzione della casa editrice Luca Toschi.
Diventa fondamentale, accanto al persistere della lettura del Vangelo come annuncio di pace e di una societ non violenta, la riproposta di tutta la cultura planetaria in una prospettiva di cultura della pace (dalla teologia alla filosofia, dalleconomia alla politica, dalla scienza alla letteratura e allarte ecc.). Centrali i suoi rapporti con i detenuti politici e la sua partecipazione alle lotte di liberazione dei popoli del terzo mondo.
[torna]

Concilio Vaticano II
Tra il 1958 e il 1959 si registra, per intervento della Santa Sede, l'allontanamento di religiosi che ruotavano attorno a La Pira: Balducci, David Maria Turoldo e Giovanni Vannucci. Balducci prima a Frascati poi a Roma (1959 al '65). Il Concilio Vaticano II gli permette di costruire un fitto intreccio di rapporti con teologi e vescovi di tutto il mondo. Sono anni per Balducci di dure polemiche per le sue idee: la sua difesa dellobiezione di coscienza gli procura un processo (1963-64) e la denuncia al Sant'Uffizio. Ma la stima che ha per lui il papa Paolo VI far s che, nel febbraio 1965, possa tornare a Firenze. Due anni dopo muore don Lorenzo Dilani.
[torna]

L'articolo di Luca Toschi (http://www.csl.unifi.it/it/node/121)  stato curato da Elisabetta Mughini, Ufficio Comunicazione, Indire

 
Articoli correlati

Consulenza filosofica a scuola
di Isabel de Maurissens (16 Marzo 2012)

La necessità di una diversa consapevolezza metodologica
di Francesco Vettori (11 Novembre 2008)

L'italiano in Second Life
di Andrea Benassi (21 Ottobre 2008)

Emotional Bandwidth, un apprendimento ben valorizzato
di Maria Guida (20 Ottobre 2008)

A scuola di creatività nel virtuale
di Francesco Vettori (17 Ottobre 2008)

I Creative commons e la filosofia dei commoners
di Silvia Panzavolta (09 Gennaio 2008)

"Condividere allo stesso modo" in una prospettiva storica
di Giovanni Nulli (09 Gennaio 2008)

Uno scambio di risorse educative
di Jim Ayre (09 Gennaio 2008)

Che cosa vuol dire fare Leadership
di Leonardo Tosi (05 Luglio 2007)

E-tutor e ambienti di apprendimento
di Elena Mosa e Leonardo Tosi (13 Dicembre 2006)

La necessità di una nuova visione
di Giovanni Biondi (12 Dicembre 2006)

Dal design delloggetto alla progettazione dellesperienza
di Alessandra Anichini (29 Novembre 2006)

Al via i corsi della Italian University Line
di Indire (22 Settembre 2006)

Indire all'Expo del Capitale Umano e dell'Innovazione
di Gianluca Torrini (13 Marzo 2006)

Le tre fasi dell'era elettrica
di Fabio Giglietto (25 Gennaio 2005)