Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
LINGUAGGI DELLA COMUNICAZIONE

Wikipedia: l'enciclopedia libera

Un'enciclopedia universale, gratuita e multilingue, costruita con il contributo degli utenti. Uno strumento utile per insegnanti e studenti.

di Valentina Piattelli
06 Luglio 2004

Le origini di Wikipedia si ritrovano nel movimento per l'open Source. Nel 1984 Richard Stallman fond la Free Software Foundation con lobiettivo di creare software di alta qualit gratuiti e aperti a tutti. Secondo Stallman tenere segreto il codice sorgente dei programmi in nome del diritto dautore dannoso, soffoca la libera circolazione delle idee e produce programmi pieni di errori. Da allora si creato un vero e proprio movimento le cui parole dordine sono open source (sorgente aperto) e copyleft (gioco di parole su copyright, diritto dautore), che non significa "libert di copiare", ma possibilit di utilizzo citando la fonte (a questo proposito si veda la GNU Free Documentation License).

In ambito informatico si sono creati cos sistemi operativi gratuiti, liberi e aperti, come Linux, il sistema operativo coordinato da Linus Torvalds in grado di competere con programmi proprietari come Windows, offrendo gli stessi servizi, ma gratuitamente e con problemi di sicurezza minori (se non nulli).

Il movimento per lopen source ben presto uscito dallambito strettamente informatico per raggiungere qualsiasi ambito del sapere umano. Scriveva Stallman nellarticolo The Free Universal Encyclopedia and Learning Resource, in cui ha tracciato le linee fondamentali dellenciclopedia libera: Il World Wide Web ha la potenzialit di trasformarsi in unenciclopedia universale che copra tutte le aree del sapere umano e in una libreria di corsi formativi. Questo sarebbe successo spontaneamente senza particolari sforzi, se nessuno avesse interferito. E propone: uno sforzo cosciente per impedire il sequestro deliberato delle informazioni enciclopediche e educazionali della rete. Per questo nata Wikipedia, the free encyclopedia.

Wikipedia ha cominciato le pubblicazioni (in inglese) nel 2001, a seguito di contatti fra Larry Sanger e Ben Kovitz, ed anche grazie all'impegno di Jimbo Wales della Bomis Inc., che ha messo a disposizione i server necessari per l'esperimento. Vi stato subito un boom degli utenti registrati (a giugno 2004 circa 7.500 nella versione in lingua inglese, pi di 1.100 in quella in italiano) ed una vertiginosa impennata del numero di articoli prodotti, che ha ampiamente superato i 500.000.

Sempre nel 2001, a pochi mesi dal varo dellenciclopedia in inglese, nasceva la versione in italiano e in molte altre lingue: le versioni di wikipedia con pi di 10.000 voci esistono in danese, cinese semplificato, cinese tradizionale, olandese, esperanto, francese, tedesco, italiano, giapponese, polacco, spagnolo e svedese; si possono consultare versioni ridotte di wikipedia in oltre 58 lingue, dal latino al frisone, passando per lo swahili e il tagalog.

Wikipedia prende il nome dal termine maori "wiki wiki" che significa "superveloce". Ogni voce di questa enciclopedia pu essere, scritta, modificata e pubblicata sul web istantaneamente da chiunque. Com' possibile allora che non sia vittima continuamente di vandali? Pi che farsi questa domanda, sufficiente consultarla per rendersi conto che le persone che immettono informazioni sono di pi di quelle che cercano di guastare le informazioni immesse. E in ogni caso Wikipedia fatta in modo che in ogni momento sia possibile recuperare le versioni precedenti di ogni singolo articolo, cos da recuperare la versione non corrotta da un eventuale vandalo.

Si pu allora pensare a Wikipedia come all'enciclopedia del futuro, senza difetti?
In realt il pi grosso limite di Wikipedia sono gli argomenti controversi, dove la faziosit sempre in agguato. Infatti, nonostante il principio guida di Wikipedia sia il "neutral point of view" (NPOV), cio il "punto di vista neutrale", e gli autori degli articoli vengano invitati a "presentare le idee e i fatti in modo che sia i sostenitori sia gli oppositori di un certo argomento possano trovarsi d'accordo", inevitabile che su argomenti molto controversi (es. guerra al terrorismo, situazione mediorientale, rapporti fra musulmani, cristiani ed ebrei etc.) i pareri siano discordi. A questo proposito Andrew Lih, docente all'Universit di Giornalismo di Honk Kong, ha affermato che "la [sua] riposta standard a questo tipo di obiezioni che Wikipedia non pu risolvere i problemi del mondo". Wikipedia, insomma, non fa altro che riflettere il disaccordo che esiste a livello internazionale sulle questioni pi "calde". E poi, fra le decine di migliaia di articoli inseriti, quelli controversi sono in fondo un'esigua minoranza, come fanno notare i coordinatori del progetto. Wikipedia, infatti, non si occupa solo di "politica", ma ha decine di sottocategorie che vanno dalle scienze all'intrattenimento.

Per leggere come funziona materialmente Wikipedia e, perch no?, cominciare a scrivere articoli e diventare cos un "wikipediano", si pu cominciare leggendo la "Guida essenziale", che spiega il funzionamento teorico e pratico dell'enciclopedia gratuita e libera. 

[I link dell'articolo rimandano ad articoli di Wikipedia]


Valentina Piattelli, Ufficio Comunicazione, Indire

 
Articoli correlati

Il CoderDojo: come imparare una programmazione strutturata
di Mario Boninsegni (11 Dicembre 2014)

Al via le iscrizioni al corso "Didattica Digitale"
di G. Cannella, R. Carro, E. Mosa, L. Tosi (29 Febbraio 2012)

Che cosè la competenza digitale?
di Silvia Panzavolta (19 Ottobre 2010)

Il modello I-CLEEN
di Matteo Cattadori e Maddalena Macario (17 Maggio 2010)

3.0 verso il Web semantico: THINKERS WANTED!
di Silvia Dell Acqua (17 Febbraio 2010)

Dentro la Scuola: strumenti utili e motivazioni quotidiane
di Renato Montemurro (26 Maggio 2009)

Dove il libro non è il medium prevalente della conoscenza
di Francesco Vettori (29 Aprile 2009)

Francesc Pedró: per capire quel che sta accadendo
di Francesco Vettori (18 Aprile 2006)

Mai più una comunicazione "usa e getta"
di Gianluca Torrini (03 Gennaio 2006)

A un mese di distanza dalla morte di Mario Luzi
di Francesco Vettori (21 Marzo 2005)

Il valore della conoscenza, la forza della comunicazione
di Stefania Chipa (09 Febbraio 2005)

Cammina cammina
di Stefania Chipa (01 Gennaio 2005)

Strappate quella pagina
di Stefania Chipa (18 Novembre 2004)

Nuovi linguaggi: scrivere, leggere, interagire
di Antonio Sofia (12 Novembre 2004)

Il registro comunicativo ritrovato
di Giovanni Nulli (21 Settembre 2004)