Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Home Istituto Contatti Modulistica Bandi di
concorso
Bandi di gara
e contratti
Amministrazione
trasparente
Ufficio Stampa
 

INNOVAZIONE

Promuovere l’innovazione tecnologica e didattica nella scuola è sempre stata una mission di Indire, fin dai tempi della Biblioteca di Documentazione Pedagogica (BDP) che a partire dagli anni ’80 fece un uso pionieristico delle tecnologie informatiche per documentare le migliori pratiche didattiche di allora.

Indire oggi svolge un’importante attività di ricerca volta a comprendere, alla luce dell’attuale contesto sociale e tecnologico, i cambiamenti nel modo di apprendere e comunicare delle nuove generazioni. Tutto questo per fornire proposte e percorsi che consentano alla scuola di preparare i giovani alle sfide del nuovo millennio.

In questo l’Istituto si pone in scia con le recenti indicazioni provenienti dall’Europa che invitano gli Stati membri a promuovere l’impiego delle ICT per portare innovazione in tre ambiti fortemente connessi tra loro: quello didattico, quello tecnologico e quello organizzativo.

Dal punto di vista didattico, le azioni di Indire sono volte ad innovare le strategie di insegnamento ed apprendimento, colmare la distinzione tra apprendimenti formali, non formali ed informali attraverso le opportunità fornite dal Life Long Learning e avvicinare le pratiche didattiche alla vita di tutti i giorni. Le Formazioni disciplinari docenti del PON con il relativo Repository e l’ambiente di formazione continua FOR ne sono alcuni esempi, oltre alle Delivery Unit (legate all’innovazione didattica e organizzativa) parte integrante delle misure di accompagnamento all’attuazione del riordino del secondo ciclo d’istruzione.

In ambito tecnologico, oltre ad interventi di prima alfabetizzazione, si sta cercando di introdurre le tecnologie emergenti nella didattica, sviluppando nuovi approcci formativi e studiando nuovi linguaggi comunicativi. Ricordiamo il piano Scuola Digitale che ha sostenuto la diffusione delle lavagne interattive multimediali (LIM) e di altre tecnologie digitali (e-book, tablet, etc.) nelle classi, l’utilizzo e la condivisione di contenuti didattici digitali e lo studio di metodologie didattiche innovative che prevedono, ad esempio, l’impiego di simulazioni e ambienti videoludici.

In questo contesto si collocano anche i progetti di formazione PON DIDATEC corso base e PON DIDATEC corso avanzato destinati ai docenti in servizio nelle regioni Obiettivo Convergenza e finalizzati ad accrescere la competenza digitale degli insegnanti di scuola primaria, secondaria di primo grado e del biennio della scuola secondaria di secondo grado. La ricerca Indire non trascura l’aspetto dei contenuti didattici digitali che prende forma nel progetto “Editoria Digitale Scolastica”, finalizzato a promuovere la creazione e la sperimentazione di prodotti editoriali di nuova generazione, anche in vista della normativa sulle adozioni dei libri scolastici in forma integralmente digitale o mista (legge n.133/2008, art. 15 “costo dei libri scolastici”).

Notevole importanza riveste l’ambito organizzativo e in particolare la trasformazione degli ambienti di apprendimento. La scuola sta infatti evolvendo verso un centro di apprendimento aperto che trascende i tempi e gli spazi della formazione così come li abbiamo conosciuti fino ad oggi.

Grande attenzione è dedicata anche agli aspetti di gestione e amministrazione delle organizzazioni scolastiche, con progetti di formazione indirizzati ai Dirigenti Scolastici, ai DSGA e al personale ATA.

Inoltre l’Istituto dispone di efficaci sistemi e strumenti di analisi dei fenomeni del sistema dell’istruzione e della formazione nel nostro Paese (monitoraggi quantitativi e qualitativi, rapporti, ricerche, banche dati) legati al riordino del II ciclo di istruzione tecnica e professionale e ai temi di scuola e lavoro: Alternanza Scuola-Lavoro, sbocchi occupazionali,Istruzione degli Adulti (IDA), IFTS e ITS hanno il triplice scopo di fornire informazioni utili ai fini dell’orientamento, di supportare i docenti alla realizzazione di tali percorsi, di fornire ai decisori politici un quadro di insieme dello sviluppo del sistema .

Infine, come evidenzia il progetto GOLD (Global On Line Documentation), Indire continua a documentare le esperienze educative più avanzate della scuola. Una documentazione che non è più soltanto “archiviazione”, ma gestione e diffusione della conoscenza attraverso le possibilità comunicative dei nuovi media e le potenzialità connettive della Rete.

Questo innovativo approccio alla documentazione si ritrova anche nel sistema informativo (GPU) che Indire ha sviluppato e implementato dal 2005 a sostegno dei Programmi Operativi Nazionali (PON), finanziati con i Fondi Strutturali (FSE e FESR). Da un lato, è infatti costruito per adattarsi sia alla realtà e ai bisogni gestionali delle scuole, facilitando la loro partecipazione ai Programmi, sia alle esigenze di monitoraggio, di valutazione dei risultati e di programmazione dell’Autorità di Gestione; dall’altro, consente di gestire e documentare processi complessi, dalla progettazione alla comunicazione, alla diffusione dei risultati delle attività, supportando l’organizzazione scolastica nei processi di autovalutazione, di innovazione didattica e del miglioramento continuo.

Nel suo percorso di ricerca e innovazione l’Istituto si confronta e collabora con numerose istituzioni e realtà nazionali ed internazionali.

Media

Report Innovazione 2012
La scuola dopo le nuove tecnologie