• it
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

Mostra: A lezione di razzismo. Scuola e libri durante la persecuzione antisemita (1938-1943)

Mostra bibliografico-documentaria a cura di: Pamela Giorgi, Giovanna Lambroni

Con la collaborazione di: Dora Liscia Bemporad, Irene Zoppi

Enti promotori e organizzatori:

Istituto Nazionale di Documentazione Innovazione e Ricerca Educativa – INDIRE

Fondazione Ambron Castiglioni

Biblioteca Marucelliana di Firenze

Con la collaborazione di: Museo ebraico di Bologna

Grafica di: Curina Adv

***

Durante il fascismo i temi dell’appartenenza etnica e del culto della razza furono veicolati in vari modi, tra i quali il rigoroso intervento sulla scuola, sull’editoria scolastica, sulla letteratura giovanile d’evasione e su un genere molto amato dalle giovani generazioni: il fumetto. Educatori, scrittori, artisti e illustratori, in molti contribuirono a diffondere il seme del razzismo, traducendo in linguaggio pedagogico e in figure accattivanti la politica razziale. La campagna discriminatoria messa in atto nei confronti degli ebrei, che prese avvio proprio tra i banchi di scuola, conferma l’importanza strategica del sistema scolastico nel processo di fascistizzazione del paese. Sarà lo stesso Ministro dell’Educazione Nazionale Bottai a dichiararne il ruolo di avanguardia nell’azione per la difesa della razza, muovendo dagli istituti primari per la creazione di un “clima adatto ad una prima embrionale coscienza razzista”. A questo scopo una delle circolari che inaugurarono la campagna razziale incaricava le autorità scolastiche di provvedere alla diffusione della rivista «La difesa della razza» affinché gli alunni e gli insegnanti comprendessero il “valore etico e biologico” della politica razziale.

La mostra mette in luce le dinamiche del processo di fascistizzazione portato avanti negli anni delle leggi razziali nella scuola fascista attraverso il patrimonio documentario dell’Archivio storico di Indire e della Biblioteca Marucelliana di Firenze: materiali scolastici, un excursus in cui libri, riviste, quaderni, materiali didattici e fotografie documentano la diffusione del mito della razza e della pura stirpe italica. Tra i documenti, la testimonianza del piccolo Leo, alunno della “sezione ebraica” della scuola Regina Elena di Firenze nel 1941, i disegni di alcuni bambini ebrei alla vigilia delle leggi razziali e gli album degli scolari di quegli anni.

La mostra può essere richiesta per riallestimenti scrivendo a  p.giorgi@indire.it  o archiviostorico@indire.it

Scheda tecnica e preview >>

Bibliografia

A lezione di razzismo. Scuola e libri durante la persecuzione antisemita, P. Giorgi e G. Lambroni (a cura di), Bibliografia e informazione, 2014

Link utili:

Fondazione Ambron e Castiglioni 

Biblioteca Marucelliana di Firenze

Mostra virtuale correlata: A ottanta anni dalle leggi razziali del fascismo (1938-2018). Un percorso didattico