• it
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

Alessandra Anichini

Alessandra Anichini

Primo Ricercatore

La testualità digitale e le sue applicazioni didattiche rappresentano il focus principale della mia attività di ricerca, a questo tema ho dedicato alcune opere. Di recente il mio interesse è rivolto alla storia del libro di testo e alla sua evoluzione, interesse che trova uno specifico riscontro nel progetto di ricerca Avanguardie educative.

Attività di ricerca

Mi occupo di testualità digitale dal 1994, quando una borsa di studio IBM/Università di Firenze mi ha consentito di lavorare su progetti relativi all’applicazione dell’informatica all’analisi dei testi. Ne sono seguiti progetti di realizzazione di opere multimediali sulla storia letteraria, tra cui L’ipertesto d’autore: «La famiglia dell’antiquario» di Carlo Goldoni edito da Marsilio e un Atlante geografico della Letteratura italiana per Laterza. Successivamente, il lavoro presso Indire, il coordinamento di attività di progettazione e realizzazione di Contenuti Didattici Digitali, in particolare nell’ambito del progetto PON SOS Studenti, mi ha consentito di approfondire il rapporto tra produzione libraria e nuove testualità. Questo lavoro è stato fondamentale per analizzare una serie di nodi concettuali, centrali per affrontare il tema dell’innovazione digitale nella didattica. Da allora le nuove testualità hanno rappresentato il focus della mia attività di ricerca, oggi orientata allo studio delle nuove forme di libro di testo, indagato nella sua evoluzione. La prospettiva storica rappresenta infatti la chiave con cui mi sono sempre accostata allo studio dell’innovazione della scrittura e della lettura digitale, privilegiando un’analisi comparativa delle forme innovative con la tradizione. È attraverso lo studio della tradizione che possiamo tentare di dar risposta ai quesiti: «Cosa s’intende per scrittura e lettura digitali? Quali sono le competenze chiamate in causa per scrivere i nuovi testi? Dallo storytelling alle scritture sociali, dalle nuove forme di editoria fino alle norme che regolano la frequentazione dei nuovi spazi di scrittura». Attualmente il tema dei nuovi libri di testo viene da me studiato nell’ambito del progetto Avanguardie educative.