• it
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

Antonella Zuccaro

Antonella Zuccaro

Primo Ricercatore

Sono entrata a far parte di Indire nel 1998. La mia attività di ricerca è orientata ad analizzare e sviluppare modelli di integrazione tra il mondo della scuola e il mondo del lavoro.
Sono referente del progetto di ricerca Modelli di integrazione per il rapporto scuola lavoro con l’obiettivo di individuare ed elaborare modelli operativi innovativi relativi al curricolo, all’organizzazione e alla didattica, ad uso della comunità scolastica e scientifica.

Attività di ricerca

L’esperienza professionale, le attività di ricerca connesse alle azioni di monitoraggio e osservazione del cambiamento, condotte in questi anni, mi hanno portato a studiare, analizzare il tema del lavoro e del suo valore istruttivo e formativo, in particolar modo negli istituti tecnici e negli istituti professionali, nei percorsi di alternanza scuola lavoro, nei Poli Tecnico Professionali e nella formazione terziaria non accademica (ITS).
Il tema del lavoro e del suo valore istruttivo e formativo sono ormai parte integrante di tutte le riflessioni che sono in corso nel sistema scolastico e formativo, sollecitate tra l’altro dai documenti che le istituzioni europee e nazionali hanno prodotto in questi anni. Si è assistito ad un grande sforzo da parte delle istituzioni nazionali per favorire interventi differenziati e complementari rivolti a studenti e più in generale al sistema dell’istruzione per migliorare la formazione in uscita dei giovani e integrarla sempre più ad esperienze in contesti di lavoro.
Il progetto di ricerca per il quale sono incaricata in Indire, ha un duplice obiettivo da una parte impone una riflessione sul come i molteplici elementi proposti dall’innovazione possono strutturarsi in un curricolo integrato che contenga i temi e gli argomenti propri ai due ambiti (scuola e lavoro), portandoli a consistenza non episodica e dall’altra come migliorare i modelli organizzativi. Infatti sebbene siano oggi parole d’ordine ricorrenti “lavoro”, “orientamento al lavoro, “competenze spendibili nel mercato del lavoro” spesso mancano di riferimenti utilizzabili nella pratica della didassi attuata in aula dagli insegnanti, nelle caratterizzazioni territoriali e nelle relazioni interorganizzative e di governance.