• it
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

Industria 4.0

 

Gli ITS per lo sviluppo del Piano Impresa 4.0

Il contributo degli ITS alla riduzione del mismatch fra domanda e offerta

 

Nei prossimi cinque anni l’industria avrà bisogno di 264 mila tecnici specializzati (Confindustria, su dati Unioncamere).  Alla base di questo disallineamento c’è un sistema formativo che fatica a dialogare con il mondo del lavoro. Emerge la necessità di favorire la cooperazione fra formazione e impresa e, soprattutto, di colmare il gap esistente tra le trasformazioni tecnologiche in corso e il sistema formativo del paese.

A fronte dei profondi cambiamenti di questi anni, il MISE ha messo a punto il Piano Nazionale Impresa 4.0. Il piano struttura un nuovo approccio di politica industriale che tocca trasversalmente tutti i settori e tutte le dimensioni aziendali e si articola in incentivi fiscali a favore di investimenti in tecnologie 4.0 e in agevolazioni volte a sostenere corsi di formazione in chiave 4.0 e a potenziare gli Istituti Tecnici Superiori (ITS).

INDIRE ha sviluppato fin dalla nascita di questo segmento formativo (D.P.C.M. del 25 gennaio 2008), l’unica banca dati nazionale per il monitoraggio e la valutazione del sistema ITS che è riferimento sia per il MIUR sia per la Conferenza Stato-Regioni. Sulla base infatti del ranking derivante dalla banca dati vengono erogati i finanziamenti premiali agli ITS che ottengono i migliori risultati. INDIRE intende proseguire l’azione di ricerca a supporto dello sviluppo della formazione terziaria professionalizzante degli ITS che hanno il compito di preparare i quadri intermedi specializzati a interpretare e sfruttare le tecnologie abilitanti 4.0.

Negli anni, gli ITS, si sono contraddistinti come driver dell’innovazione e del cambiamento e oggi si confermano come un sistema sempre più dinamico, flessibile e connesso con le filiere produttive orientate verso il paradigma 4.0. In questo contesto INDIRE ha realizzato uno studio  attraverso  22 studi di caso, coinvolgendo oltre 260 soggetti, per fare il punto su:

  • In che modo gli ITS stanno contribuendo allo sviluppo di competenze degli studenti? Con quali strategie didattiche?
  • Quali le innovazioni e le buone pratiche sull’organizzazione, sulla didattica, sugli ambienti di apprendimento e di collaborazione online?
  • I percorsi ITS sono in grado di sostenere le competenze per il 4.0? Quali competenze? Quali professioni?