Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
EDILIZIA SCOLASTICA

Abitare la Scuola

"Dove si impara a socializzare e si privilegia la comunicazione"

di Franca Pampaloni
05 Giugno 2007

Indire un istituto che si rivolge alla scuola e al suo rinnovamento con una serie di servizi ed expertise centrati sulla formazione e laggiornamento degli insegnanti attraverso la pi grande piattaforma europea di e-learning, che ha dato vita ad un ambiente di apprendimento blended, misto di attivit in presenza e attivit a distanza, informate alle pi attuali forme di comunicazione e interazione offerte dalle nuove tecnologie, creando nel contempo una dinamica comunit di pratica.

In tale ambiente Indire ha riversato quel ricco patrimonio informativo sviluppato negli anni secondo una coerente politica documentaria, costituito da una serie di banche dati (BD), fra le quali BIBL, archivio bibliografico aggiornato in progress di Scienze dellEducazione, frutto di un rigoroso processo di selezione qualitativa della pubblicistica da parte di esperti scientifici delle singole tematiche, quali la didattica delle discipline scolastiche e i temi di maggior rilievo del dibattito scientifico sulla scuola.
Tra questi, dal 2001, listituto ha aggiunto nella BD una tematica dedicata allEdilizia Scolastica, prima ancora che la gravit della situazione delledilizia scolastica in Italia esplodesse in tutti i mass media nazionali con la morte, nellottobre 2002, di 27 bambini e 2 insegnanti della scuola di S.Giuliano in Puglia, unico manufatto del paese raso al suolo dal terremoto.

I contenuti della pubblicistica dedicata a questo settore ci hanno rivelato un modo di concepire la scuola, con i suoi spazi organizzati per lapprendimento, che si sposa mirabilmente con la nostra visione della scuola, offrendo una valida sponda agli sforzi dell Istituto verso un rinnovamento della scuola che ponga al centro dellazione educativa il soggetto che apprende, abitante di una scuola che lo accoglie, che promuove un apprendimento attento alle diverse personalit dei ragazzi, la scuola come luogo piacevole da vivere, dove si impara a socializzare e si privilegia la comunicazione e lo sviluppo di relazioni significative.
Le esperienze internazionali di Indire su questi temi cruciali per la scuola del nuovo millennio sono documentate dai due Convegni internazionali organizzati a Firenze, luno nel 2007 e laltro nel 2006, per un confronto fra esperti internazionali sugli scenari futuri della scuola, sui nuovi modi, spazi e luoghi dellapprendimento, sulla trasformazione organizzativa e didattica apportata dallintroduzione delle ICT e sulla conseguente ristrutturazione degli spazi fisici.

Particolarmente rilevante a questo proposito lintervento dellarchitetto olandese Susan Stuebing,  fra gli altri, che ha descritto una sua realizzazione di scuola secondaria superiore nellIslanda rurale, su invito e in collaborazione con il Ministero dellistruzione finlandese, dove lambiente ripensato in funzione dei nuovi modi di condivisione della conoscenza e delle nuove realt comunicative (pu vedersi l'intervento di Susan Stuebing al convegno Remediare la Scuola).

Il nostro Istituto ha cos consolidato la convinzione che leducazione un fenomeno complesso di interazioni da cui non va escluso lambiente fisico in cui gli attori (insegnanti e studenti) si muovono; che lorganizzazione e la strutturazione degli spazi riflettono il codice comunicativo dellazione educativa e favoriscono lo sviluppo cognitivo entrando a pieno titolo nel progetto formativo.
Questa centralit dellambiente e degli spazi fisici nella relazione pedagogica ribadita dalla maggioranza degli esperti del settore, e spiega lesigenza di sensibilizzare insegnanti, dirigenti e studenti sullimportanza dellergonomia, gradevolezza e vivibilit degli ambienti scolastici, come elementi che possono influenzare i processi dellapprendimento e stimolare leducazione alla socialit e il rispetto dellambiente.        

Da qui nasce nel 2003 lidea di dedicare un portale alle migliori pratiche innovative di edilizia e architettura scolastica italiane e europee
belle da vedere e piacevoli da vivere, con una proposta, per certi versi, unica nel panorama italiano perch lega i canoni costruttivi e architettonici a quelli pedagogici per i quali la scuola pensata: il portale AS-Abitare la Scuola.

La documentazione delle singole scuole affidata allarchitetto Maria G. Mura, unesperta qualificata in questo settore, che di ognuna privilegia aspetti e caratteristiche oggi al centro del dibattito e della ricerca italiana ed europea, quali:

  • uso delle tecnologie pi innovative in tema di risparmio delle risorse naturali
  • uso dellenergia solare e fotovoltaica per il riscaldamento e il raffreddamento delle strutture
  • attenzione ai materiali bio-compatibili
  • dialogo costante fra spazi e pedagogia in funzione di stimolo allo sviluppo cognitivo e della personalit del ragazzo
  • forte caratterizzazione degli spazi interni ed esterni
  • sostenibilit e ridotto impatto ambientale globale

Attivando questo portale, abbiamo dato un contributo alla sensibilizzazione del problema e molto gi stato fatto:

la Finanziaria 2007 prevede per il triennio 2007-2009 un consistente sforzo economico pari a 250 milioni di euro per interventi di edilizia scolastica; il 50% delle risorse che verranno assegnate annualmente sono destinate alladeguamento a norma e alla messa in sicurezza degli edifici scolastici da parte degli Enti locali, che sono chiamati a concorrere, per il restante 50%, al finanziamento delle risorse necessarie, attraverso la stipula di un patto di sicurezza indispensabile per accedere ai fondi.
Il nostro patrimonio edilizio spesso di sconfortante degrado estetico, nato per lo pi sotto lurgenza della scolarizzazione di massa degli anni 50 e 60, in parte ancora privo delle elementari attenzioni alle norme di sicurezza, senza dispositivi antisismici, per non parlare dei materiali, dellilluminazione, gli arredi, i fattori inquinanti come le polveri e le vernici dei locali interni, gli impianti termici ad alto dispendio energetico e economico e, non ultimo, la qualit degli spazi contigui alla scuola: molti edifici scolastici sono stati costruiti in luoghi malsani, in prossimit di siti pericolosi, a causa delle onde elettromagnetiche o delle lavorazioni che vi si svolgevano o sono ad alto inquinamento acustico!
In Italia cio la situazione delle strutture scolastiche mostra tutte le difficolt e le carenze della mancanza di progettualit e pianificazione nel settore, anche se esistono eccellenti esempi di buona edilizia scolastica, da cui Indire partita per incentivare iniziative e progetti che favoriscano lo stare bene a scuola.

E' vero che riceviamo testimonianze di apprezzamento da parte di architetti che vedono nel nostro portale un punto di riferimento per la rivitalizzazione di un settore delledilizia cruciale, da parte di amministrazioni locali che richiedono il nostro intervento a convegni ed eventi legati a questa nuova stagione di interesse per gli spazi scolastici (recentemente il Comune di Limana (BL) ha invitato Indire alla presentazione dei progetti vincitori per la costruzione di una cittadella scolastica).
Anche gli insegnanti ci contattano per descrivere i loro spazi di lavoro e chiedere consigli per rimediare a situazioni di disagio, o semplicemente per denunciare limpotenza a cambiare le cose.
Tutto questo indica che giusto lobiettivo proposto, quello cio di sensibilizzare ed offrire materia di riflessione ai decisori politici, agli amministratori, agli architetti e a tutti gli attori della scuola, dai presidi agli insegnanti agli studenti, richiamando lattenzione sulla scuola come organismo che vive in un dato territorio e con questo interagisce: a livello ambientale (rispetto del paesaggio e dellambiente in cui ledificio inserito attraverso una serie di azioni volte ad un ridotto impatto ambientale, uso dei materiali del posto, promozione di una qualit ambientale del manufatto-scuola come spazio sicuro, libero da inquinanti) e a livello sociale come spazio di vita piacevole che promuove il benessere psico-fisico di chi lo abita, che aggrega e favorisce il senso di identit e di responsabilit attraverso  forme, ormai consolidate a livello europeo, di progettazione partecipata degli spazi, che stimolano il senso dellappartenenza alla comunit e del rispetto dei luoghi come propri.
A questo proposito, Thomas Rau, grande architetto olandese, in unintervista ha dichiarato:Per noi vale il motto: pi punti di vista esistono, pi facile sar dare una risposta corretta. Nasce cos un quadro di idee colorato al quale cerchiamo di dare consistenza. Per noi progettare in sostanza un processo interattivo.
Altro obiettivo che ci siamo posti nella realizzazione di questo portale proprio quello di offrire un'opportunit di dibattito e di incontro fra architetti, decisori politici e pedagogisti perch si creino sinergie per un movimento generalizzato di ripensamento degli spazi della scuola in funzione pedagogica e sociale, e in considerazione dellimpatto delle ICT sulla didattica e sulla organizzazione della scuola.

Edificare, restaurare o risistemare spazi obsoleti dedicati al fare scuola un processo complesso e oggi non pi possibile alzare quattro mura al cui interno il docente insegna per qualche ora le sue materie curricolari in aule spoglie e prive di un qualsiasi segno di identit e caratterizzazione, dove la strutturazione e la rappresentazione spaziale riflettono un codice comunicativo di tipo unidirezionale e trasmissivo.
La scuola un microcosmo dove si fa esperienza della variegata realt comunicativa e relazionale, dove non pi ammissibile un accesso ai saperi di tipo meramente erogativo, con spazi omologati e anonimi che non facilitano il verificarsi di reali situazioni di apprendimento.
Non dunque la sequela delle classi monadi, fatte di spazi chiusi e monotoni, che favoriscono modalit didattiche tradizionali, ma invece spazi aperti alla socializzazione e anche alla riflessione individuale, spazi aula flessibili che si adeguano alle diverse attivit didattiche, di laboratorio e di incontro, spazi pensati per la funzione e per gli attori che vi agiscono.

A questo livello, molto possibile fare e molto si sta facendo, anche da parte di molte amministrazioni locali, senza ricorrere a costosi interventi che incidono sulle opere murarie esterne e interne del manufatto, ma cercando soluzioni alla solita disposizione di materiali ed arredi, sfruttando spazi inutilizzati per  il raccoglimento individuale e per la comunicazione sociale fra gli studenti.

La cameretta di un qualsiasi ragazzo italiano medio esprime uno spazio accogliente fatto di colori, di cura dei materiali e degli arredi, un ambiente piacevole, reso anche pi stimolante dalla presenza, sempre pi frequente, di numerosi dispositivi tecnologici quali il telefono cellulare, la consolle per i video-giochi, il computer, il tutto a misura delle sue esigenze man mano che cresce.
I ragazzi vivono cio una realt extrascolastica curata, pensata per loro, ricchissima di informazioni e di mezzi per accedervi, sono abilissimi utenti delle nuove tecnologie, vivono spazi cittadini sempre pi vicini alle loro sensibilit: crescono i luoghi per socializzare, fare musica, sporte al mattino il ragazzo lascia tutto questo per la nostra scuola!
Si parla non a caso di digital disconnect, come di quel fenomeno dovuto alla grave disparit di stimoli ed occasioni per fare esperienze con le nuove tecnologie che si registra fra lambiente dellextrascolastico e lambiente scolastico nel suo insieme.
La trascuratezza, lanonimit, il degrado e anche la bruttura estetica di certi spazi scolastici, si somma a questo gap digitale, aumentando il senso di disagio e la frustrazione di tanti studenti, specialmente a livello di scuola secondaria superiore dove si registra il pi alto indice di insuccesso scolastico, mortificando  linteresse per lo studio e lapprendimento.
AESSE-Abitare la Scuola nasce per aiutare tutti gli attori coinvolti a vincere la diffusa, rassegnata accettazione di questo stato delle strutture scolastiche, che paiono impermeabili ad ogni innovazione o cambio di rotta.
E per questo che il nostro portale, dopo una prima fase in cui ha privilegiato esempi eccellenti di architettura scolastica a livello europeo e italiano, amplia da questanno la sua ricerca alla documentazione di casi, progetti, esperienze, relativi alla scuola secondaria superiore, che mirano ad un recupero, anche parziale e economicamente contenuto, sia sul versante delledilizia e della gestione complessiva delledificio in chiave ecocompatibile, sia su quello del ripensamento degli spazi interni ed esterni a disposizione.
Entrando in AS-Abitare la Scuola, gli insegnanti e i dirigenti scolastici sperimenteranno che possibile fare qualcosa nella loro scuola, realizzare interventi con ridotto impatto sulle casse scolastiche o delle amministrazioni, ispirandosi alle buone pratiche offerte, iniziando percorsi di riqualificazione con i ragazzi.


Breve bibliografia sul tema

 

 
Articoli correlati

Scuola, nuovi spazi per apprendere in modo nuovo
di Giusy Cannella e Rudi Bartolini (25 Novembre 2014)

Architetture pedagogiche
di Giusy Cannella (28 Novembre 2013)

La classe non è l'aula
di Francesco Vettori (26 Novembre 2013)

Parola d'ordine "Non c'è tempo da perdere"
di Alessandra Rucci (24 Ottobre 2013)

Quali arredi per sostenere una didattica collaborativa e un nuovo tipo di scuola?
di Nazzareno Mengoni (24 Ottobre 2013)

Come nasce un progetto di ristrutturazione innovativo e sostenibile
di Roberto Giacomucci (24 Ottobre 2013)

Quando lo spazio insegna
di Massimiliano Naldini (25 Luglio 2012)

INNOSCHOOL: il progetto finlandese per la scuola del futuro
di Maria Grazia Mura (02 Aprile 2012)

Il successo della scuola finlandese
di Maria Grazia Mura (28 Ottobre 2011)

Modelli di learning landscape per le scuole del futuro...prossimo
di Maria Grazia Mura (25 Maggio 2011)

La progettazione di una cl@sse 2.0 a Villadossola: un percorso di ricerca-azione
di Maria Grazia Mura (27 Gennaio 2011)

Il ruolo dellarchitettura come catalizzatore sociale
di Maria Grazia Mura (05 Luglio 2010)

Le potenzialità della LIM e il principio di convergenza
di Maria Grazia Mura (26 Aprile 2010)

''Progettate scuole come centrali elettriche''
di Maria Grazia Mura (28 Aprile 2009)

Educare alla cittadinanza e alla partecipazione
di Maria Grazia Mura (19 Settembre 2008)