Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
INIZIATIVE PER LA SCUOLA

PQM, i punti di forza e debolezza per l'anno 2009/2010

Una analisi del passato per progettare le azioni future

di Sara Mori
17 Gennaio 2011

PQM, Piano Nazionale Qualit e Merito, un progetto che si pone come scopo primario il miglioramento degli apprendimenti degli studenti nellambito della matematica e dellitaliano nelle classi della scuola secondaria di primo grado. La struttura del progetto prevede la somministrazione agli alunni di due prove Invalsi per la valutazione degli apprendimenti nelle discipline interessate: una ad inizio e una a fine anno scolastico, per la verifica di eventuali cambiamenti. Sulla base dei risultati della prima prova, gli insegnanti possono progettare interventi di recupero o potenziamento per migliorare gli apprendimenti degli studenti, accompagnati da momenti di formazione per i docenti stessi e dalla possibilit di produrre materiale specifico da utilizzare con gli alunni. Lo strumento attraverso cui i docenti possono progettare gli interventi e richiedere i finanziamenti per metterli in pratica il piano di miglioramento.

I 304 Piani di Miglioramento presentati dalle scuole dellObiettivo Convergenza allinterno progetto PQM 2009-2010 sono stati analizzati attraverso una griglia di lettura appositamente creata con lo scopo di rilevare i processi attivati al momento della diagnosi e della progettazione degli interventi. La tabella stata creata avendo come punto di riferimento la struttura indicata agli insegnanti per la compilazione dei piani stessi allinizio del progetto. Essa prevedeva le seguenti sezioni:

1) Premessa
2) Finalit/Obiettivi
3) Individuazione degli interventi
4) Descrizione di attivit e metodologie
5) Motivazione della richiesta di attivit  strumentali di accompagnamento (formazione fra pari e  produzione di materiali)
6) Risultati attesi

Per ogni modulo era necessario specificare:

- Il nucleo identificato, tra i quattro previsti dal quadro di riferimento in matematica e indagati dalle prove Invalsi di ottobre, su cui svolgere lintervento;
- Il titolo dellintervento, coerentemente con il nucleo scelto.

La griglia inoltre stata pensata in modo da essere confrontabile con i risultati del lavoro dei focus group svolti tra giugno e luglio nelle scuole capofila del progetto nelle stesse regioni del sud Italia e che indagavano tre aspetti specifici: la visione di sistema, laccompagnamento, linnovazione.
Essa prevede dunque sette aree, per ciascuna delle quali sono stati scelti degli indici di descrizione.

Per ogni sezione sono stati individuati:

- caratteristiche descrittive: cio stato valutato se fossero stati descritti o meno alcuni aspetti indicati nei materiali riguardo la composizione del piano di miglioramento.
- indici di valutazione: in alcune sezioni sono stati riportati anche valutazioni riguardo il grado di approfondimento e di coerenza complessiva dellarea analizzata del piano.

Questi indici sono visibili in Tabella 1.

Attraverso questa analisi la griglia ha permesso:

  • Una lettura orizzontale di approfondimento su ogni progetto, dove vengono esplicitate le caratteristiche cruciali (come stata descritto il processo di analisi dei bisogni, come descritta la composizione dei moduli, il grado di elaborazione e profondit del piano). Questa la parte che pi ci interessa in questo documento in quanto questo tipo di lettura ha reso possibile lidentificazione di buone pratiche e al contrario di punti di debolezza emersi;
  • Una lettura verticale che riassume alcuni temi trasversali ed importanti per la sperimentazione del progetto (diagnosi incentrata sui processi, descrizione dei contesti di appartenenza, obiettivi, risultati attesi), funzionale alla descrizione dei processi attivati nella fase iniziale del progetto PQM.

Come abbiamo gi detto, in questo caso quello che ci interessa particolarmente sono i risultati della lettura orizzontale dei piani di miglioramento che evidenziano buone pratiche e punti di debolezza.
Riassumendo quanto emerso da questo tipo di analisi  possibile sintetizzare per ogni sezione indicata nella progettazione dei piani le criticit pi forti. E importante per prima di tutto contestualizzare questi punti critici allinterno della mancanza di tempo che sia gli insegnanti sia i formatori hanno avuto a disposizione per la formazione e per la realizzazione dei piani di miglioramento durante il primo anno di PQM. Non si deve scordare infatti che la prima edizione del progetto stata una sperimentazione  e proprio per tale ragione unesperienza esplorativa, sulla base della quale poter migliorare il lavoro di questanno e degli anni futuri. Dalle lettura emerge queste evidenze nelle diverse sezioni (vedi Tabella 2).


Oltre a queste criticit, che hanno offerto spunti di riflessione utili per cercare di migliorare laccompagnamento al processo di redazione dei piani di miglioramento di questanno anno, ci sono anche buone pratiche descritte, che mostrano quanto PQM abbia attivato processi virtuosi in diversi ambiti:

  • La possibilit di riflettere sui contenuti della didattica;
  • La possibilit di confrontarsi da vicino con il sistema di valutazione;
  • La riflessione pi esplicita e condivisa sullimportanza della progettazione didattica;
  • La possibilit di confronto con colleghi che condividono lo stesso linguaggio, ma con competenze maggiori su alcuni aspetti didattici e metodologici;
  • Il poter lavorare direttamente con gli studenti sulle difficolt incontrate quotidianamente anche in classe;
  • Lavere a disposizione molti strumenti innovativi ed utili.

Alcuni piani di miglioramento hanno mostrato unottima riflessione sulle prove e una coerente scelta dei moduli di potenziamento e delle attivit ad essi correlati. Questi sono sicuramente delle buone pratiche da tenere presenti, bench questanno la struttura indicata per la stesura dei piani di miglioramento sia differente  in quanto pi ancorata agli studi che riguardano lefficacia scolastica e lapprendimento. Per concludere si possono evincere alcuni punti sostanziali.


Punti di forza emersi:

  • La necessit di progettare moduli didattici sulla base dei risultati ha permesso di attivare una riflessione su processi che talvolta sono considerati ovvi. Inoltre la possibilit di farlo con laccompagnamento di un collega alla pari, formato per dare supporto in momenti specifici, ha permesso un confronto libero e costruttivo.
  • Lutilizzo di prove esterne, create sulla base del Quadro di riferimento nazionale di matematica, ha dato la possibilit di confrontarsi pi da vicino sugli aspetti legati alle carenze che emergono anche nelle prove internazionali (come affrontare situazioni problematiche e contestualizzate, o argomentare le soluzioni proposte) e che talvolta non sono considerati nelle verifiche ordinarie svolte in classe.
  • La valutazione e la progettazione didattica svolte attraverso attivit e metodologie innovative e la condivisione di queste tra i docenti, ha permesso lo sviluppo di processi volti al
    continuo miglioramento e allo sviluppo di una comunit professionale.

Punti di debolezza emersi:

  • La scarsit di tempo a disposizione dei docenti per la lettura dei risultati delle prove Invalsi e
    la progettazione dei moduli di potenziamento, ha reso spesso il processo di analisi e di diagnosi molto difficoltoso e macchinoso e ha dunque portato a volte a risultati poco approfonditi;
  • Lindice di stesura dei piani di miglioramento suggerito non era stato collocato n allinterno di un quadro preciso di lettura diagnostica delle prove, n dentro una cornice di progettazione definita e condivisa. Ci ha fatto s che i piani di miglioramento siano stati molto eterogenei e poco confrontabili e trasferibili in questo primo anno, pur consci che questa fosse appunto una fase di sperimentazione sul campo.
  • La creazione di un linguaggio condiviso sembra essere un altro aspetto trascurato durante il primo anno. Ci emerge da un insieme di fattori: a volte gli stessi termini vengono confusi con altri o utilizzati in modo non molto appropriato.

Tenere presente questi elementi pu essere utile questanno nella progettazione dei piani di miglioramento. Cercando di migliorare per primi la qualit del progetto si dovr dare particolare attenzione ai tempi a disposizione per ogni fase, al fornire strumenti utili per una lettura fruibile delle prove Invalsi e ad un indice del piano di miglioramento pi contestualizzato allinterno delle ricerche svolte in questo campo, che tenga conto di aspetti ritenuti importanti per raggiungere gli obiettivi di PQM.


I risultati dellanalisi dei piani di miglioramento  sono riportati in modo approfondito nel nella tesi di dottoratoAnalisi e progettazione di piani di miglioramento: uno studio basato sui dati PQM- Piano Nazionale Qualit e Merito, di Sara Mori, con la supervisione del Dott. Daniele Vidoni - INVALSI e il  Prof. Guido Franco Amoretti - Universit degli Studi di Genova

 
Articoli correlati

Un convegno dedicato alla voglia di sperimentare
di Raffaella Carla Ragaglini (11 Novembre 2014)

Piccolo è meglio? Si, ma...
di Stefano Penge (14 Ottobre 2014)

La settimana europea della programmazione
di Giovanni Nulli (13 Ottobre 2014)

Coding e scuola primaria
di Caterina Moscetti (13 Ottobre 2014)

Wedebate: un'esperienza in Rete, con e senza filosofia
di Angela Nadia Cattaneo (29 Settembre 2014)

Imparare a disputare per imparare a convivere
di Raffaella Dal Moro (15 Settembre 2014)

Il Primo Torneo Nazionale Palestra di Botta e Risposta
di Adelino Cattani (01 Settembre 2014)

Il dibattito filosofico a scuola
di Luca Bianchi (01 Settembre 2014)

Intervista a Manuele De Conti
di Francesco Vettori (12 Agosto 2014)

Il progetto Elos
di Maria Giuseppa Lo Bianco (19 Maggio 2014)

L'esperienza in prima persona della controversia
di Francesco Vettori (14 Maggio 2014)

Da gioco del contraddittorio a percorso formativo
di Claudia Cristoforetti (14 Maggio 2014)

La verifica di una sperimentazione a scuola
di Laura Simeon (14 Maggio 2014)

Concorso multimediale HUB School
di Isabel de Maurissens (02 Aprile 2014)

Laula sperimentale Feng Shui dellI.C. San Giorgio
di Ugo Zavanella (01 Aprile 2014)