Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
INIZIATIVE PER LA SCUOLA

La valutazione come opportunità di miglioramento

Il Piano di Miglioramento all'interno del Piano Nazionale Qualit e Merito

di Vanna Monducci
18 Gennaio 2011

Il dibattito, aperto da tempo sulla  necessit di migliorare la scuola, si accentuato di recente con la pubblicazione dei risultati dellindagine OCSE PISA 2009, che ha portato alla ribalta in generale, nei Paesi Ocse, una diminuzione del rendimento scolastico di alcuni punti rispetto alle indagini precedenti. Tuttavia non mancano per l'Italia alcuni segnali incoraggianti, specie per le regioni del Sud, che partivano da posizioni svantaggiate nelle precedenti rilevazioni.

Tutti i paesi si stanno  interrogando sulle modalit e sugli  strumenti necessari ad aumentare  la performance degli studenti, e sulle strategie  di governo della qualit dei servizi di istruzione, a tutto campo, che si concentrano su tre oggetti essenziali:

Gli studenti: occorre ri-organizzare le modalit del lavoro in classe, impostando una didattica  finalizzata alla ricerca e allesperienza  significativa. Una  didattica  laboratoriale, affiancata da  modalit di lavoro in team (un tempo si  chiamava molto pi semplicemente lavoro di gruppo), verifica degli apprendimenti costante, attraverso diversi strumenti, ivi compresi i test standard nazionali, per consentire ai ragazzi di imparare dai loro errori, sono sicuramente alcune  delle modalit  da introdurre e recuperare in una tradizione didattica non cos lontana, per garantire  il raggiungimento  di quelle che ora vengono  definite competenze di cittadinanza).

Gli insegnanti: il loro  ruolo importante non deve  limitarsi alla trasmissione di saperi, ma essere una  guida attraverso il processo di apprendimento, con particolare attenzione  alle caratteristiche cognitive di ciascun studente. Meno  tempo, quindi, alla didattica frontale e pi tempo per il mentoring e il tutoring in campi nei quali gli studenti hanno bisogno di aiuto. Serve per questo  un grande investimento in formazione, sia iniziale sia durante tutto larco della loro carriera, mediante processi di riqualificazione continua e lavoro in team.

Le scuole:  la via per il miglioramento parte dallinnovazione curricolare, e si avvale di modalit  interne ed esterne di valutazione, necessarie a riprogettare continuamente la didattica e lerogazione del servizio. Da un lato, quindi, rendicontabilit dellazione didattica, dallaltra propensione al miglioramento continuo. Importante in questo processo il coinvolgimento dei genitori, con i quali stringere  forti alleanze, mantenendoli informati sui progressi dei loro figli in maniera oggettiva e, altrettanto importante, il collegamento con le altre realt scolastiche del territorio in una logica di networking, con la comunit, le strutture  culturali, le altre agenzie formative per una costante integrazione di competenze.

Le scuole  PQM stanno battendo queste piste, sperimentando  azioni  didattiche innovative di taglio prevalentemente laboratoriale, incentivando la formazione  dei docenti e la loro  propensione a lavorare in team e a fare coaching agli studenti; ma soprattutto stanno sperimentando modalit di valutazione diagnostica dei  risultati di apprendimento, partendo  da una misurazione standard delle  performance  individuali e di classe per progettare azioni mirate di miglioramento.

Tutto  ci si traduce in un PIANO DI MIGLIORAMENTO che si sviluppa su una linea  progettuale articolata in alcune fasi fondamentali, che partono dalla misurazione degli apprendimenti con test standard allinizio di ogni anno scolastico; una volta ricevuta la restituzione dei risultati delle prove si apre una fase diagnostica che individui i punti di forza e di debolezza risultanti dallanalisi delle prove sia a livello di classe che individuale.
I dati, interpretati mediante linee guida, consentono di identificare una o pi aree critiche da migliorare, per le quali si avvia una progettazione di dettaglio di azioni migliorative rivolte sia agli studenti che ai docenti, sul versante formativo.

Il  PIANO DI MIGLIORAMENTO si sviluppa, quindi, su alcune linee portanti: in primo luogo lanalisi del contesto, necessaria ad inquadrare lambiente di riferimento per individuare con maggiore chiarezza e precisione gli interventi migliorativi da progettare. In questa fase importante evidenziare due diversi aspetti del contesto: quello riferito alle azioni strutturali dellIstituto, che in qualche modo condizionano lerogazione del servizio. In primo luogo le modalit di organizzazione didattica: leventuale presenza di interclassi parallele, di dipartimento disciplinare, la partecipazione dellIstituto ad altri progetti riguardo lautovalutazione e il potenziamento degli apprendimenti sono indici di processo significativi.
In secondo luogo le modalit di coinvolgimento dei genitori sul progetto specifico e, pi in generale, sui risultati dellapprendimento (riunioni con i genitori, consigli di classe aperti, coinvolgimento dei genitori nellorganizzazione  di iniziative ed attivit) rappresentano un ulteriore aspetto di qualit significativo.                                                            
A livello di classe, lanalisi di contesto utile a rilevare il grado di motivazione degli studenti  percepito nelle discipline in cui si interviene, e, nel contempo, il clima di classe percepito dal docente (clima collaborativo/competitivo, etc.); tutto ci finalizzato ad individuare strategie adeguate per stimolare linteresse e la partecipazione.

Analizzato il contesto, lattenzione va posta alla diagnosi e alla corretta interpretazione dei risultati.
In questa fase importante attribuire un significato ai risultati  emersi per poter correttamente individuare i punti di forza e di debolezza della classe in relazione  allo stato degli apprendimenti al momento della rilevazione. La diagnosi quindi un momento cruciale  del processo di elaborazione  del piano di miglioramento e richiede lintegrazione delle informazioni provenienti dalla rilevazione con lesperienza didattica di ciascun docente, per meglio evidenziare gli ambiti e i processi cognitivi  in cui gli studenti  sembrano aver dimostrato maggiori difficolt, cos come ambiti e i processi che sono risultati essere i punti di forza della classe.
Alloperazione diagnostica segue la progettazione delle azioni che la scuola ritiene utili ed indispensabili a raggiungere un miglioramento nella rilevazione successiva (che viene effettuata al temine di ogni anno scolastico.
In questa fase quindi necessario progettare azioni specifiche integrate, che possano da un lato condurre ad un miglioramento effettivo delle performance degli allievi e dei risultati della classe, e allo stesso tempo favorire una ricaduta permanente sulla scuola del progetto nell'ottica del miglioramento continuo.
Fra le azioni previste, oltre alle attivit svolte direttamente con gli allievi per introdurre modalit ed approcci laboratoriali alla disciplina, risultano significative ed importanti le attivit di progettazione, stimolata dalla formazione attivata per gli attori coinvolti nel progetto, ed in particolar modo le attivit di laboratorio didattico tra docenti, per diffondere nellIstituto contenuti e metodologie didattiche innovative
Lobiettivo finale sar quello di un progressivo adeguamento curricolare secondo le metodologie e gli strumenti introdotti con il progetto, e una ricaduta complessiva sui processi valutativi ed auto valutativi della scuola.  In questo caso, importante lazione di diffusione e di coinvolgimento collegiale dei docenti, e lazione di stimolo che il Dirigente scolastico metter in campo per migliorare complessivamente il rendimento di tutto lIstituto.  

 
Articoli correlati

Un convegno dedicato alla voglia di sperimentare
di Raffaella Carla Ragaglini (11 Novembre 2014)

Piccolo è meglio? Si, ma...
di Stefano Penge (14 Ottobre 2014)

La settimana europea della programmazione
di Giovanni Nulli (13 Ottobre 2014)

Coding e scuola primaria
di Caterina Moscetti (13 Ottobre 2014)

Wedebate: un'esperienza in Rete, con e senza filosofia
di Angela Nadia Cattaneo (29 Settembre 2014)

Imparare a disputare per imparare a convivere
di Raffaella Dal Moro (15 Settembre 2014)

Il Primo Torneo Nazionale Palestra di Botta e Risposta
di Adelino Cattani (01 Settembre 2014)

Il dibattito filosofico a scuola
di Luca Bianchi (01 Settembre 2014)

Intervista a Manuele De Conti
di Francesco Vettori (12 Agosto 2014)

Il progetto Elos
di Maria Giuseppa Lo Bianco (19 Maggio 2014)

L'esperienza in prima persona della controversia
di Francesco Vettori (14 Maggio 2014)

Da gioco del contraddittorio a percorso formativo
di Claudia Cristoforetti (14 Maggio 2014)

La verifica di una sperimentazione a scuola
di Laura Simeon (14 Maggio 2014)

Concorso multimediale HUB School
di Isabel de Maurissens (02 Aprile 2014)

Laula sperimentale Feng Shui dellI.C. San Giorgio
di Ugo Zavanella (01 Aprile 2014)