• it
  • en
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

14/01/2021

UdA per gli istituti professionali: una proposta dall’IPSSAT Rocco Chinnici

Rendiamo disponibili le Unità di Apprendimento (UdA) progettate dall’IPSSAT Rocco...

Leggi tutto

14/01/2021

L’Indire al Convegno sulla scuola “fuori dalla scuola”

"L'educazione è fuori La scuola può uscire dalla scuola" è il titolo del convegno...

Leggi tutto

14/01/2021

Sicurezza online in classe. Nuovo ciclo di webinar gratuiti per docenti in collaborazione con Generazioni Connesse

Dopo il successo dello scorso anno, tornano gli Expert Talk, i webinar organizzati...

Leggi tutto

14/01/2021

Insegnare il tema dei rifugiati, il webinar organizzato dalle Avanguardie Educative e UNCHR

“Uno spazio di apprendimento sicuro e inclusivo” è il titolo del primo appuntamento...

Leggi tutto

13/01/2021

Venerdì 15 gennaio un webinar su come fare cinema a scuola

Proseguono anche in questo nuovo anno gli incontri organizzati nell'ambito de "La Scuola...

Leggi tutto

12/01/2021

La ricerca Indire all’edizione 20/21 della Festa dell’Architetto

Dal 27 al 29 gennaio il Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e...

Leggi tutto

11/01/2021

“Un libro con Epale”, al via il ciclo di incontri con gli autori

Dal 15 gennaio, l'Unità Epale Italia inaugura la nuova iniziativa "Un libro con Epale",...

Leggi tutto

11/01/2021

Didattica digitale integrata, online un nuovo video sulla “scuola di prossimità”

Con l'inizio dell'anno, arriva un nuovo video che va ad arricchire la playlist...

Leggi tutto

11/01/2021

Il repository STE(A)M IT per l’orientamento professionale

STE(A)M IT è il progetto europeo (di cui l'Indire è partner) finalizzato a...

Leggi tutto
08/05/2020

L'editoriale

di Flaminio Galli

Le misure di contenimento messe in atto per fronteggiare l’emergenza Covid-19 hanno di fatto sospeso in Italia e nel resto d’Europa molte delle attività legate al Programma Erasmus+. In questo momento è importante dare un segnale per il futuro. È bene farlo ora, perché il rischio è che venga messo in discussione il Programma in un momento di difficoltà mondiale. Il Programma Erasmus+ si fonda su due elementi imprescindibili: la mobilità e la conoscenza. Sono due valori che hanno animato, dal 1987 a oggi, lo spirito di oltre 10 milioni di persone in Europa...... continua »

Leggi tutti gli editoriali