Indire, sito ufficiale
Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa MIUR
immagine di contorno      Formazione separatore dei progetti      Documentazione separatore barra alta      Didattica separatore barra alta      Comunicazione separatore barra alta Europa
contorno tabella centrale
MEDIA EDUCATION

Valutare i programmi Open Source

Un approccio critico al "software libero": vantaggi e questioni aperte

di Marco Guastavigna
11 Aprile 2005

Banca Dati DiaTra le attivit ormai consolidate ed ampiamente note di Indire si colloca il progetto di certificazione delleffettiva qualit del software prodotto con scopi didattici, che ha avuto inizio nel 2001, sulla base della considerazione che molti strumenti digitali possono offrire un valido apporto allapprendimento, ma sono contemporaneamente anche un prodotto difficile da "vedere" e da provare.

La valutazione del software didattico si  infatti confermata in questi anni come un valido aiuto per gli insegnanti e le scuole nell'individuare e scegliere, tra le tante proposte esistenti, i prodotti di sicura valenza formativa, che meglio si adattano alle specifiche esigenze delle varie situazioni.

Inizialmente il progetto si rivolto agli editori di software commerciale, ma rapidamente autori o estimatori hanno segnalato a Indire, affinch fossero valutati, anche prodotti di tipo freeware. Nel 2004 la commissione di valutazione ha poi deciso di estendere il proprio lavoro anche al software di tipo Open Source, nella convinzione che fosse importante confrontarsi in modo critico con tale realt e contribuire di conseguenza a far crescere linformazione su questa tematica in modo sempre pi consapevole.

Attualmente sono quindi presenti nellelenco dei software a cui stata attribuita la certificazione di qualit anche alcuni programmi di questo tipo.

Le ragioni complessive di questa scelte erano fin dallinizio molto nette e chiare:

 laccesso al codice sorgente, la libera ridistribuzione, lesplicita esclusione di discriminazioni di singoli, di gruppi o di campi di applicazione sono aspetti della filosofia Open Source che hanno in s un valore educativo prima ancora che tecnico;
 il software Open Source aveva da tempo trovato sullintero territorio nazionale canali di comunicazione e di diffusione spontanei allinterno di singole scuole, di reti di istituti, di gruppi di insegnanti, dando vita, per esempio, a scambio di informazioni ed a discussioni vivaci ed interessanti anche allinterno dei forum di discussione dei vari filoni di formazione della piattaforma Puntoedu;
 il dibattito generale sulle valenze economiche e socioculturali dellintroduzione del software Open Source in rapporto con le prospettive di sviluppo del nostro Paese era - ed - in crescita costante.

Da un contatto pi ravvicinato con il mondo Open Source e in particolare con gli sviluppatori e i curatori di programmi e di distribuzioni della galassia Linux, abbiamo successivamente potuto apprezzare in prima persona altri aspetti molto importanti:

 Linux nasce e cresce, quantitativamente e qualitativamente, come prodotto di rete, su base collaborativa, che fa dellespansione e delladattamento alle diverse situazioni un principio fondante: i modelli operativi non sono pertanto imposti, ma proposti, e ciascun soggetto, se ne capace, pu ridefinirli e rimetterli in circolo;
 i diversi programmi e le diverse distribuzioni si caratterizzano spesso perch sono il risultato della fatica di autentici addetti ai lavori di specifici settori, cio di persone che hanno deciso di costruire (o di adattare) un ambiente digitale in modo da avere risposte il pi possibile soddisfacenti ai bisogni di elaborazione da loro direttamente individuati e definiti; ci ha come conseguenza unaccresciuta, esplicita e consapevole dimensione socio-culturale delloperazione di progettazione, realizzazione, diffusione dei singoli software e delle distribuzioni;
 la documentazione che accompagna i programmi ha anchessa unimpostazione dinamica e collaborativa: spesso si appoggia infatti sulla nascita e sulla crescita di comunit di persone che discutono sullefficacia e sui possibili miglioramenti di un singolo programma o di unintera distribuzione.

Va detto che la dinamicit e limpostazione cooperativa appena descritte hanno anche risvolti problematici, che un lavoro di valutazione come il nostro doveva e deve tenere presenti: non si sono infatti ancora sufficientemente consolidati standard procedurali e di interfacciamento con programmi e dispositivi, ovvero quelle certezze operative e cognitive che costituiscono la base di riferimento necessaria per una diffusione massiccia di una tecnologia. Inoltre, nella gran parte delle concrete situazioni delle scuole, in cui una piena autonomia nelle pratiche tecnologiche non ancora patrimonio di tutti, le diverse distribuzioni di Linux al momento possono entrare soprattutto come sistema operativo e come insieme di applicazioni di secondo livello. Applicazioni, cio, dirette agli insegnanti attualmente pi coinvolti e disinvolti nelluso didattico delle TIC, allo scopo di accrescerne le prospettive operative e soprattutto la consapevolezza socioculturale, la visione di insieme, la capacit di confronto e di autonoma valutazione.

Xmaxima - per il calcoloNel nostro approccio con i software Open Source abbiamo infatti sempre dovuto utilizzare i criteri di valutazione che si erano rivelati essere non solo i pi importanti, ma spesso addirittura quelli dirimenti rispetto alla possibilit di assegnare o meno la certificazione di qualit a qualsiasi tipo di ambiente digitale destinato alla didattica:
- significativit autentica: il software deve essere uno strumento per arricchire i processi di apprendimento, non diventarne a sua volta oggetto, con il risultato di sovraccaricare ulteriormente gli allievi;
- usabilit: il software deve essere il pi possibile intuitivo ed immediato, senza richiedere di dedicare tempi troppo elevati alla comprensione del suo funzionamento.

Il nostro auspicio che il numero di prodotti Open Source segnalati -e quindi valutabili e recensibili- aumenti in modo rilevante: per questa ragione riteniamo importante che chi sviluppa e cura questo tipo di software venga messo a conoscenza della nostra attivit e ci segnali direttamente i suoi prodotti.
 
Siamo peraltro convinti che la nostra attivit possa avere, oltre a quella gi individuata di accrescimento della consapevolezza nelle scuole delle potenzialit dellOpen Source, anche unaltra importantissima valenza: pensiamo infatti di poter contribuire a valorizzare  i circoli virtuosi che la logica Open Source potenzialmente in grado di innescare tra utenti da una parte e sviluppatori e curatori dei diversi programmi dallaltra.
Nel nostro caso specifico chi si occupa dei software ha infatti lopportunit di tenere conto delle opinioni degli esperti e soprattutto delle scuole che provano i loro prodotti e per migliorare il proprio lavoro e renderlo sempre pi proficuo rispetto a finalit educative che a loro volta si possono rendere via via pi chiare ed esplicite.

A titolo esemplificativo di cosa intendiamo per circolo virtuoso, riportiamo parte della nostra scheda di valutazione di un prodotto davvero molto interessante e rivolto ai bambini - Tux Paint - dove sottolineata anche limportanza delle distribuzioni live di Linux:

Il mio primo giudizio, formulato a luglio 2004, era questo: "Il programma (Open Source) intuitivo, simpatico e divertente. Pu essere utilizzato sia per attivit grafico-espressive sia come approccio all'interfaccia del computer, anche nella scuola dell'infanzia. Vanno migliorate le istruzioni di installazione del modulo dei "Timbri" nella versione Windows, perch non corrispondono al contenuto effettivo del file. Non convincono (Windows e Linux), le attuali dimensioni della finestra del programma (che non copre lo sfondo nelle risoluzioni pi frequenti dello schermo) e soprattutto quelle dello strumento gomma, troppo grande per consentire una cancellazione "di fino" dei disegni gi tracciati: mi pare utile che gli sviluppatori perfezionino al pi presto tale funzione."
Bene: prendo atto con molto piacere che, certo grazie anche e soprattutto alle osservazioni raccolte dagli utenti e dalle liste di discussione dedicate al programma, come tradizione nel mondo opensource, la versione 0.9.14, rilasciata ad ottobre 2004, risolve tutti i problemi a suo tempo da me sottolineati.
Segnalo infine che le versioni Linux del programma sono contenute nelle distribuzioni live per la didattica So.di.linux del-l'ITD del CNR di Genova ed eduKnoppix, e sono quindi sperimentabili senza necessit di installarlo.


Non un caso che la scheda appena citata contenga un esplicito riferimento alla possibilit di utilizzare per provare il programma due delle varie distribuzioni live, il cui numero in costante aumento. Le distribuzioni live possono infatti essere normalmente installate, ma soprattutto possono essere utilizzate su personal computer direttamente da cd, ovvero senza procedere ad alcuna modifica del proprio disco rigido e/o sistema operativo. Le scuole e gli insegnanti interessati potranno quindi sperimentare il sistema operativo che si pone come alternativa a quelli commerciali senza dover modificare in nessun modo l'assetto e l'organizzazione dei loro calcolatori, e verificarne valori aggiunti e aspetti problematici in tutta tranquillit.
Possiamo scaricare le diverse distribuzioni live da Internet, come immagine ISO di un cd.
Una volta scaricato il file, sar sufficiente ricorrere al nostro programma di masterizzazione per entrare in possesso di un cd, replicabile e ridistribuibile a piacimento, ma soprattutto capace di avviare il nostro computer e di farci entrare nel mondo dellOpen Source.

eduKnoppixConsigliamo a tutti il lettori di fare questa esperienza, perch potranno apprezzare alcuni aspetti molto significativi:
 anche un utente che non abbia mai visto Linux riesce quasi immediatamente a familiarizzare sia con l'ambiente in generale sia con tutte le sue numerose articolazioni; le distribuzioni live si basano infatti su KDE, che , insieme a GNOME e ad altre, una delle possibili interfacce grafiche di Linux. Pi in generale: tutti i sistemi operativi pi diffusi, commerciali od Open Source, utilizzano ormai uninterfaccia grafica, perch essa valorizza, com noto, la nostra capacit cognitiva profonda di rielaborare simboli, di dare e confermare senso e significato alle icone del computer attraverso ipotesi, prove e verifiche.
 le diverse distribuzioni live ci confermano che le ragioni dellimpiego e della diffusione di un'interfaccia grafica per rappresentare e risolvere il rapporto tra personal computer e utente stanno nel suo proporci oggetti e procedure senza costringerci ad averle in memoria o a ricorrere a supporti esterni rispetto alla macchina che dobbiamo governare per agire: e questo un elemento di progresso, di effettiva amplificazione delle nostre potenzialit cognitive ed operative, la cui importanza nella relazione educativa quasi superfluo sottolineare;
 le diverse distribuzioni live ci fanno capire che a scuola siamo ormai in grado di concepire, progettare e attivare forme di approccio, e di conseguenza attivit di orientamento e percorsi di formazione sull'uso del personal computer, assolutamente indipendenti sul piano cognitivo dal sistema operativo usato: se eravamo in realt da tempo in grado di individuare nei principali programmi applicativi (per esempio nei principali ambienti di videoscrittura) alcuni evidenti modelli logico-operativi trasversali, ora siamo nelle condizioni di analizzare secondo una logica trasversale e quindi molto potente anche il complesso dei sistemi operativi e quindi ci che concerne le operazioni fondamentali di gestione e amministrazione del personal computer;
 la formazione alluso delle TIC nella didattica pu integrare tra loro tutte le opportunit presenti nelluniverso della comunicazione digitale, comprendendo tra esse il software Open Source, e pu quindi perseguire un obiettivo davvero alto, centrato sulla descrizione, la comprensione, la diffusione dei modelli logico-operativi trasversali individuati nel punto precedente;
 una pi facile attribuzione di senso e di significato alle diverse componenti dellinterfaccia consente inoltre di identificare pi rapidamente obiettivi di azione, di comunicazione, di elaborazione precisi, il cui riferimento al profilo professionale per gli insegnanti, e al successo formativo per gli allievi, si renda chiaro ed esplicito fin da subito: pi di quel che c' "dentro" il computer o "dentro" il software, alla scuola interessa infatti quanto c' dentro il rapporto tra tecnologie digitali e individui.

Concludiamo pertanto il contributo con alcune indicazioni relative a come documentarsi sulle diverse distribuzioni Live e su come reperirle:

- Progetto So.di.Linux ITD-CNR di Genova -- http://www.itd.cnr.it/SoDiLinux
- EduKnoppix -- http://www.eduknoppix.org
- Abuldu -- http://www.abuledu.org
- Cosmogonia -- http://www.cosmogonia.org
- Didatux -- http://happytux.altervista.org/didatux
- Freeduc -- http://www.ofset.org/freeduc-cd
- GamesKnoppix -- http://games-knoppix.unix-ag.uni-kl.de
- PaiX -- http://openitalia.net/print.php?sid=1526&MDPROSID=8c316c06445e815ed94a7a0a0b2d0af7
- Ubuntu@School -- http://scuola.btlug.it

 

 
Articoli correlati

Social network, narrazioni e identità digitali
di Redazione (15 Giugno 2015)

Il tablet e linclusione scolastica
di Silvia Panzavolta (31 Ottobre 2014)

Manipolare quel che si crea, un altro modo per imparare
di Lorenzo Guasti (18 Luglio 2014)

Quando la classe è digitale
di Elena Mosa (01 Luglio 2013)

Soluzioni di apprendimento e tecnologie didattiche
di M. Gentile, G. Filosi, M. R. Gaetani, F. Pisanu (12 Dicembre 2012)

Rappresentare la conoscenza
di Francesco Vettori (05 Luglio 2012)

Dalle mappe concettuali allo spazio digitale
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

I database digitali e la carta geografica
di Francesco Vettori (03 Luglio 2012)

Dalle digital skills alla digital competency
di Elena Mosa (02 Aprile 2012)

Il contributo dellUnione Europea per ogni europeo digitale
di Fiora Imberciadori (02 Aprile 2012)

A colloquio con lEuropa sulle classi creative
di Elena Mosa (01 Aprile 2012)

Intervista al Prof. Alfonso Molina
di Francesco Vettori (30 Marzo 2012)

Il valore educativo delle dinamiche del gioco
di Andrea Benassi (21 Febbraio 2012)

Visible Thinking, Slow Learning
di Isabel de Maurissens (30 Gennaio 2012)

Crossmedialità e apprendimento
di Isabel de Maurissens e Silvia Panzavolta (30 Settembre 2011)