• it
  • en
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

2 Agosto 2022

Fare pace con l’Ambiente. La nuova sfida di EPALE Edu Hack 2022 è green

di Martina Blasi

Torna per il secondo anno EPALE Edu Hack, l’iniziativa rivolta ai docenti e agli studenti dei percorsi di istruzione per adulti.

Con il titolo “Fare pace con l’ambiente. Proposte territoriali di innovazione digitale per la transizione verde”, la seconda edizione di EPALE Edu Hack, promossa da Epale Italia in collaborazione con EGInA Foligno e con la Rete di scopo nazionale ICT IdA della Rete Italiana Istruzione degli adulti (Ridap), mette subito al centro il tema della sfida 2022: la sostenibilità ambientale.

Anche quest’anno le squadre di docenti e studenti saranno chiamate a progettare insieme la soluzione a un problema che li coinvolge direttamente, una sfida che riguarda il territorio in cui vivono e operano, che riflette il livello culturale e civile della collettività e che si indirizza a più ambiti: scuola, famiglia, luogo di lavoro, associazioni, enti pubblici, realtà del volontariato.

Una sfida da risolvere con l’aiuto delle tecnologie digitali che in questa edizione 2022 si pongono al servizio dell’ambiente e della diffusione di comportamenti responsabili e consapevoli. Oggi l’educazione ambientale è sempre più trasversale e interdisciplinare, coinvolgendo ogni disciplina in un aggiornamento continuo che si traduce in un sistema di educazione permanente.

Rispetto all’edizione dello scorso anno, l’edizione del 2022 presenta un’importante novitàle squadre si ritroveranno a Roma per lavorare insieme nelle ultime due giornate di gara, presentare i progetti e partecipare alla premiazione.

    • Cos’è un social hackathon?
    • In cosa consiste l’iniziativa Epale Edu Hack 2022?
    • Quando si svolge? A chi si rivolge?
    • Come si partecipa?

 

Il 7 ottobre sarà il giorno dell’evento di lancio, aperto a tutti, che si svolgerà online per presentare l’iniziativa.

Le iscrizioni apriranno dal 5 settembre.

 

Scopri di più sul sito EPALE >>