• it
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

1 febbraio 2016

Maturità 2015, più alti i voti dei diplomati

Pubblicato dal Miur il focus sui risultati dell'esame di Stato 2015

di Costanza Braccesi

In concomitanza con l’annuncio delle materie della seconda prova scritta della Maturità 2016 da parte del Ministro dell’Istruzione  Stefania Giannini, è stato pubblicato sul sito del Miur il focus completo sui risultati degli esami di Stato dell’anno scolastico 2014/2015.

Dai dati emerge che il 99,3% degli studenti ammessi all’esame ha conseguito il diploma di maturità. Il tasso è omogeneo in tutte le Regioni italiane: la differenza sta però nei tassi di ammissione, che variano dal 90,4% della Sardegna al 97,7% della Valle d’Aosta.

La regione con il più alto numero di diplomati con lode è la Puglia (2,3%), seguita da Marche (1,7%), Umbria e Calabria (entrambe 1,6%).

Le ragazze conseguono la maturità con risultati superiori rispetto ai maschi, sia per tasso di ammissione che per tasso di diploma, soprattutto negli indirizzi professionali.

I voti migliorano, rispetto agli anni precedenti, in tutti e tre i percorsi formativi: licei, istituti tecnici e istituti professionali. Nei licei si registra la più alta percentuale di risultati eccellenti (84,1% di tutte le lodi della maturità) e, in generale, i voti finali risultano più alti nei licei (in cui il voto medio è 78,9) rispetto a tecnici e professionali (rispettivamente 73,8 e 73). Si osserva comunque anche nei tecnici e nei professionali una riduzione dei voti più bassi : i diplomati con 60/100 sono scesi dell’1,5% (dal 13,1% dell’a.s. 2013/2014 all’11,6%) nei professionali, e dell’1,4% (da 13,3% a 11,9%) negli istituti tecnici.

 

Per approfondire: