• it
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

12 Ottobre 2016

Italian Teacher Prize, le candidature entro il 18 ottobre

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /www_shared/wp-content/themes/indire-2018/content-article.php on line 57

I "superdocenti" possono autocandidarsi o essere segnalati online da studenti, colleghi, dirigenti e genitori

di Redazione

C’è tempo fino a martedì 18 ottobre per essere candidati o per candidarsi al Premio Nazionale Insegnanti, l’Italian Teacher Prize. Il premio vuole valorizzare il ruolo strategico che i docenti rivestono nella vita dei giovani ed essere un riconoscimento per quei docenti che si sono particolarmente distinti nel trasmettere il sapere e la passione per lo studio agli studenti in maniera innovativa, a dispetto delle difficoltà e della scarsità di mezzi. L’Italian Teacher Prize è stato lanciato a fine giugno dal Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ed è gemellato con il Global Teacher Prize, l’ormai famoso “Nobel dei Docenti”.

Il premio è destinato ai docenti e ai dirigenti attualmente in servizio presso le scuole di ogni ordine e grado. La candidatura può essere fatta esclusivamente online attraverso il sito www.italianteacherprize.it (indicando nome e cognome, scuola di appartenenza e una breve motivazione).

Al docente che sarà classificato come primo sarà assegnato un premio di 50.000 euro, gli altri quattro classificati riceveranno 30.000 euro ciascuno. Il premio in denaro verrà assegnato alle scuole dei docenti vincitori per la realizzazione di attività e progetti promossi e coordinati dagli insegnanti premiati.

Particolare attenzione sarà dedicata dalla giuria alle realtà più significative del nostro territorio. Per questa ragione la Giuria potrà valutare l’opportunità di istituire premi o menzioni speciali a favore dei docenti che in questi giorni sono impegnati nelle attività di ripresa dell’anno scolastico nelle istituzioni scolastiche colpite dal sisma del 24 agosto scorso.

 

Tutti i link utili:

 

[Fonte: comunicato Miur 22/09/2016]