• it
  • en
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

17 ottobre 2017

L’Orchestra Erasmus incanta Strasburgo

di Lorenzo Mentuccia, Alessia Ricci

Il 13 ottobre scorso l’Orchestra Erasmus si è esibita con grande successo a Strasburgo, nel corso delle celebrazioni ufficiali dei 30 anni del programma Erasmus in Francia. Si tratta del terzo concerto per questo ensemble nato lo scorso maggio su iniziativa dell’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire e composto da circa 40 studenti Erasmus di oltre 15 conservatori e istituti musicali italiani.

francia00275
Irini Tsamadou-Jacoberger, Laure Coudret-Laut, Sara Pagliai

La giornata si è aperta con una conferenza cui hanno partecipato la vicepresidente delle relazioni internazionali dell’Università di Strasburgo Irini Tsamadou-Jacoberger, la direttrice dell’Agenzia nazionale Erasmus+ francese Laure Coudret-Laut e la coordinatrice dell’Agenzia nazionale Erasmus+ Indire Sara Pagliai. «Quest’anno abbiamo avuto l’idea di associare ai 30 anni di Erasmus la nascita di una vera e propria orchestra. Il calore nato intorno a questo progetto dimostra il grandissimo valore dell’iniziativa, portatrice di un messaggio di multiculturalità, scambio e comunità che ci auguriamo possa avere sempre maggiore voce nella nostra Europa», ha dichiarato la nostra coordinatrice.

All’incontro hanno partecipato in collegamento anche il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Sandro Gozi e la Ministra francese per l’Istruzione Frédérique Vidal.

francia00319
Michel Deneken

Il concerto, introdotto dalle parole del presidente dell’Università di Strasburgo Michel Deneken che ha ribadito l’importanza di Erasmus nel percorso di formazione dei giovani, si è svolto nel cuore del campus dell’Università di Strasburgo, alla presenza di moltissimi studenti e docenti entusiasti.

Diretta dal Maestro Elio Orciuolo, per questa produzione l’Orchestra ha potuto contare su musicisti provenienti dai Conservatori di Firenze, Trento, Cuneo, Salerno, Torino, Bologna, Mantova, Latina, Matera, Monopoli, Perugia, Lecce, L’Aquila, dall’Istituto musicale di Teramo, dalla Fondazione Scuola di Musica di Fiesole e dall’Istituto musicale di Livorno.

Musicisti e voci soliste hanno aperto il concerto con la Marsigliese, per poi proseguire con l’Ouverture e l’Aria della Regina della Notte da “Il flauto magico” di Mozart, la Sinfonia del “Barbiere di Siviglia” di Rossini, Una furtiva lagrima da “L’elisir d’amore” di Donizetti e O mio babbino caro dal “Gianni Schicchi” di Puccini. Dopo il celebre Intermezzo di “Cavalleria Rusticana” di Mascagni, il programma è andato avanti con l’aria Vissi d’arte dalla “Tosca” di Puccini e con “Carmen” di Bizet, di cui sono state eseguite l’Ouverture e l’Habanera. A chiudere, l’Inno alla gioia dalla Nona Sinfonia di Beethoven, considerato ormai da tutti l’Inno europeo.

L’Orchestra ha esordito il 7 maggio scorso al Teatro della Compagnia, in occasione del Festival D’Europa di Firenze, e ha poi bissato a settembre, sempre nel capoluogo toscano, per l’apertura di Fiera Didacta Italia a Palazzo Vecchio. È stato proprio dopo il successo di queste performance che l’Agenzia nazionale Erasmus+ Francia aveva chiesto di poter ospitare l’Orchestra Erasmus a Strasburgo, anche per valorizzare il patrimonio simbolico che questa iniziativa porta con sé.

 

Di seguito la gallery con le immagini dell’evento, inclusa la sessione di prove dell’Orchestra (clicca sulla foto):

Orchestra Erasmus_Strasburgo 13 ottobre 2017_#Erasmusdays

 

Altri link utili: