• it
  • en
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

7 Febbraio 2019

Una nuova Idea entra a far parte delle proposte d’innovazione di Avanguardie educative

L’Idea nasce dalla collaborazione tra l'Indire e Project Zero (Harvard Graduate School of Education) e tre scuole secondarie di secondo grado del Movimento Avanguardie educative.

di Gabriele D'Anna

«MLTV – Rendere visibili pensiero e apprendimento» è un modello educativo innovativo capace di valorizzare e mettere a frutto sia conoscenze, abilità e competenze di tipo disciplinare sia lo sviluppo del pensiero nelle sue diverse declinazioni: critico, creativo, logico-matematico, riflessivo, decisionale, sistemico.
L’obiettivo di quest’Idea è quello di supportare e promuovere la creazione di una cultura del ‘fare scuola’ basata sulla costruzione del pensiero e sulla comprensione profonda, prerequisiti essenziali per un apprendimento significativo.

«MLTV – Rendere visibili pensiero e apprendimento» si prefigge di rispondere a due domande che oggigiorno, sempre più spesso, i nostri docenti si pongono:

In che modo l’insegnamento e l’apprendimento possono andar oltre la trasmissione passiva delle conoscenze, così da coinvolgere e formare i giovani sia dentro sia fuori l’aula?

Come fare per promuovere negli studenti il pensiero critico, per invitarli a tener conto di diversi punti di vista e prospettive e quindi mirare a un tipo di conoscenza più approfondita, difficilmente perseguibile a livello di singolo?

L’Idea «MLTV – Rendere visibili pensiero e apprendimento» poggia su due framework concettuali di Project Zero, adattati al contesto della scuola secondaria di secondo grado italiana: Making Learning Visible e Visible Thinking (da qui l’acronimo MLTV).

Making Learning Visible («Rendere visibile l’apprendimento») richiama l’attenzione alle dinamiche di apprendimento individuale e di gruppo e il ruolo della documentazione nel supportare lo sviluppo di un apprendimento significativo in gruppo, nella classe e a scuola. Queste due pratiche rendono visibile l’apprendimento. L’apprendimento in gruppo è promosso attraverso cinque strategie interconnesse: far crescere la capacità degli studenti di imparare insieme; progettare compiti coinvolgenti che beneficiano di una prospettiva di gruppo; facilitare le conversazioni che approfondiscono l’apprendimento (che prevedono, ad esempio, lo scambio di feedback informato al rispetto del lavoro degli altri); formare i gruppi intenzionalmente; progettare un’efficace sinergia tra lavoro individuale, in piccolo gruppo e classe intera.
In questo framework ciò che viene documentato non è solo testimonianza di quanto avvenuto in classe ma anche un’analisi del processo di apprendimento che si è sviluppato.
Visible Thinking («Pensiero visibile») utilizza specifiche routine cognitive, una sorta di struttura organizzativa per guidare i processi mentali degli studenti e incoraggiare l’elaborazione attiva. Lo scopo è rendere visibili i processi cognitivi e sostenere, nelle scuole, una cultura dell’esplorazione e la costruzione del pensiero critico. Le routine cognitive incoraggiano gli studenti a impegnarsi attivamente su un argomento, a pensare con e oltre i fatti che conoscono, connettendo nuove conoscenze a quelle precedenti; derivano dalla lunga ricerca condotta ad Harvard nel più ampio ambito delle scienze cognitive, finalizzato a investigare le caratteristiche delle abilità di pensiero di livello superiore e a costruire i presupposti per la realizzazione di una classe pensante.
Visible Thinking ha un duplice obiettivo: da un lato, coltivare la capacità di pensiero e la disposizione a pensare degli studenti; dall’altro, rendere più profondo l’apprendimento dei contenuti disciplinari. Per «disposizione» s’intende la curiosità, la ricerca della verità e della comprensione, una mentalità creativa, l’esser non soltanto abili ma anche attenti alle opportunità di pensiero e di apprendimento e desiderosi di coglierle.

Perché l’Idea «MLTV – Rendere visibili pensiero e apprendimento»
La globalizzazione e l’economia del 21° secolo richiedono capacità di apprendere e lavorare in gruppo. L’acquisizione della conoscenza a scuola continua ad esser ritenuta più come atto individuale che sociale e comunicativo. Il mondo della scuola si trova oggi di fronte alla grande sfida di preparare gli studenti, uomini e donne di domani, ad affrontare un futuro così complesso e a tratti sconosciuto e non basta fornire loro conoscenze ma occorre prepararli a saper pensare e agire.
Per queste ragioni, ma non solo, «MLTV – Rendere visibili pensiero e apprendimento» è un modello educativo innovativo funzionale a:

Per i docenti:
• sostenere con opportuni strumenti la pratica di riflessione continua sul proprio agire didattico;
• creare una collaborazione con i colleghi basata sul regolare confronto professionale;
• costruire a scuola una comunità di docenti orientata al miglioramento continuo.

Per gli studenti:
• incoraggiare una cultura della classe come comunità democratica orientata al rispetto reciproco, all’ascolto dell’altro e alla collaborazione;
• imparare ad imparare individualmente e in gruppo;
• sviluppare consapevolezza del proprio pensiero, dei propri processi cognitivi, del proprio metodo di studio;
• imparare a coltivare relazioni sociali e a gestire eventuali conflitti;
• sviluppare competenze sociali e di team working anche in vista del futuro nel mondo del lavoro e della vita da adulti.

 

 

Per saperne di più: