• it
  • en
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

6 aprile 2018

Dal 14 aprile a Firenze una mostra sull’autrice per l’infanzia Emma Perodi nel centenario della morte

Alcuni suoi testi sono presenti anche nel Fondo Antiquario di Letteratura Giovanile del nostro Istituto

di Costanza Braccesi

Il 14 aprile alla Biblioteca delle Oblate di Firenze (via dell’Oriuolo, 24) apre la mostra “Il fantastico mondo di Emma Perodi. Diavoli, fate, cavalieri e altre storie”.

L’esposizione, progettata da Socialdesign di Firenze, è parte di un progetto più ampio che l’Associazione Bibliografia&Informazione ha predisposto in occasione del centenario della morte della scrittrice, giornalista e autrice di letteratura per l’infanzia Emma Perodi, nata in Toscana nel 1850. Con i suoi 24 pannelli illustrati, la mostra toccherà lungo tutto il 2018 vari luoghi della Toscana e d’Italia e presenterà, oltre a immagini e a contenuti storici e letterari, anche laboratori, spettacoli teatrali, letture sceniche e incontri di studio. Ampio spazio avranno naturalmente le “Novelle della nonna” (1893), il capolavoro della Perodi costituito da una raccolta di racconti fantastici ambientati nel Casentino.

Il percorso espositivo intende offrire strumenti e suggestioni a insegnanti, a bibliotecari e a genitori per avvicinare le nuove generazioni alla fascinazione della lettura ad alta voce, della conoscenza e della trasmissione orale di storie e leggende della nostra tradizione popolare. Per questo, nel corso dell’esposizione non mancheranno iniziative dedicate ai bambini e alle scuole, con la presentazione di una pratica per la costruzione di un laboratorio sulla lettura delle novelle. Un’area della mostra potrà inoltre essere personalizzata dai bambini con disegni, storie e racconti che si affiancheranno ai pensieri e alle immagini pensati dagli adulti che hanno costruito la mostra, in una sorta di “dialogo intergenerazionale” a distanza. Infine, in collaborazione con l’Ecomuseo del Casentino, verrà proposta una “mappa del fantastico” dei luoghi valorizzati dalla saga perodiana come contributo allo studio di un Parco letterario da realizzare all’interno del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi.

Sono stati chiamati a rispondere alle domande ancora attuali dell’opera di questa “imprenditrice culturale” varie personalità del mondo dell’illustrazione (Laura Berni, Fabio Facchinetti, Francesco Margarolo), dell’università (Alessandro Mariani, Magnifico Rettore dell’Ateneo telematico IUL, terrà nella sala conferenze della Biblioteca delle Oblate mercoledì 18 dalle 11 alle 13 una lezione aperta con una cultrice dell’opera perodiana, Annunziata Marciano) e della storia della letteratura (al Gabinetto Vieusseux Monica Pacini, Gloria Manghetti, Rosalia Mannu Tolu, Luisa Tasca, Federica Depaolis e Alberto Carli parteciperanno a un incontro sul tema “Fare gli italiani con la scrittura delle donne”).

Il catalogo si avvale di contributi originali di Stefano De Martin, Federica Depaolis, Walter Scancarello, Enzo Fileno Carabba, Anna Maria Falchi, Tommaso Taddei, Andrea Rossi, Laura Berni e Fabio Facchinetti e del pedagogista Franco Cambi, già professore ordinario all’Università degli Studi di Firenze, oggi docente dell’Ateneo IUL. Il catalogo sarà distribuito gratuitamente in occasione delle varie iniziative previste. Accanto a questo, la ristampa speciale delle “Novelle della nonna” ad opera di Fruska Edizioni verrà messa in vendita a un prezzo speciale per celebrare il centenario e favorire la diffusione di un classico della nostra letteratura.

Qui un pieghevole con il programma della mostra.

Per informazioni: info@bibliografiaeinformazione.it (tel. 347 6014287).

 

Il Fondo Antiquario di Letteratura Giovanile dell’Indire
Al fine della valorizzazione del patrimonio librario si collocano il riordino e la catalogazione in atto del Fondo Antiquario di Letteratura Giovanile Indire, in cui sono presenti anche testi della Perodi. Il catalogo del Fondo, di prossima pubblicazione in versione digitale e presto consultabile su questo sito, presenterà l’analisi dettagliata della consistenza del fondo creato alla nascita del Museo Nazionale della Scuola (1850-1940) e della sua rilevanza qualitativa dal punto di vista letterario, ma anche quale raccolta di edizioni che hanno delineato la storia dell’illustrazione italiana. Il lavoro, a cura di Marta Zangheri (Biblioteca Marucelliana di Firenze), Pamela Giorgi e Irene Zoppi, rientra in un più ampio progetto di catalogazione e futura messa in rete dell’intero patrimonio librario e documentario di Indire.

 

Altri link utili sulla storia e sul patrimonio storico Indire: