• it
  • en
Ricerca per l'innovazione della scuola italiana

indireinforma

22/05/2020

Apprendimento permanente, aperta la call per contribuire al nuovo numero dell’Epale Journal

È online il bando per presentare articoli da pubblicare sul nuovo numero dell’Epale...

Leggi tutto

19/05/2020

Emergenza Covid-19 ed Erasmus+, nuove disposizioni dalla Commissione europea

In relazione all’emergenza sanitaria, che ha determinato considerevoli restrizioni alla...

Leggi tutto

19/05/2020

I futuri (desiderabili) della scuola. Alcune riflessioni nate a seguito dell’evento “Officina 2020”

Lo scorso 5 maggio la dirigente di ricerca Indire Maria Chiara Pettenati ha preso parte a...

Leggi tutto

18/05/2020

Al via corsi di formazione a distanza per tutto il personale degli enti pubblici di ricerca

Sul sito della Conferenza permanente dei direttori generali degli enti pubblici di...

Leggi tutto

18/05/2020

Le ordinanze del Ministero dell’Istruzione su esami di Stato e valutazione

La Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha firmato il 16 maggio le ordinanze sugli...

Leggi tutto

14/05/2020

Progetto “PATHS”: il 19 e il 22 maggio due webinar sulla didattica per competenze in filosofia

"Sillabi" è uno dei percorsi dell'iniziativa Indire PATHS (A Philosophical Approach to...

Leggi tutto

13/05/2020

Storie della community Epale. Raccontaci le tue strategie per l’innovazione dell’insegnamento a distanza nell’Adult Learning

Con l'arrivo del coronavirus, la nostra vita professionale, domestica e familiare è...

Leggi tutto
08/05/2020

L'editoriale

di Flaminio Galli

Le misure di contenimento messe in atto per fronteggiare l’emergenza Covid-19 hanno di fatto sospeso in Italia e nel resto d’Europa molte delle attività legate al Programma Erasmus+. In questo momento è importante dare un segnale per il futuro. È bene farlo ora, perché il rischio è che venga messo in discussione il Programma in un momento di difficoltà mondiale. Il Programma Erasmus+ si fonda su due elementi imprescindibili: la mobilità e la conoscenza. Sono due valori che hanno animato, dal 1987 a oggi, lo spirito di oltre 10 milioni di persone in Europa...... continua »

Leggi tutti gli editoriali