• it
Ricerca e innovazione per la scuola italiana

indireinforma

Dal 7 al 9 settembre a Modena è in programma la conferenza annuale sulla didattica e l’apprendimento EM&M Italia – Design the Future!, promossa dall’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia in collaborazione con SIe-L, SIREM, MoodleMootIT, EduOpen, Collaborative Knowledge Building Group, S.Ap.I.E., Association for Smart Learning Ecosystem and Regional Development e la Rete Universitaria Italiana per l’Apprendimento Permanente.

Tra i numerosi e interessanti incontri in programma, segnaliamo le sessioni scientifiche che prevedono il contributo dei ricercatori Indire, comprese le web sessions pre-congressuali che potranno essere seguite online nei giorni che precedono l’avvio dei lavori:

 

Internet e vita quotidiana. Un’indagine dell’Università degli Studi di Milano Bicocca sui suoi studenti
SES/W1A: Web Session 1A – Contributi Scientifici
29/08/2016 – Orario: 15,00-17,30
Luogo: Virtual Conference Room #1

Partecipano: Nicola Cavalli (Università di Milano Bicocca), Paolo Ferri (Università di Milano Bicocca), Michelle Pieri (Indire), Andrea Pozzali (Università di Milano Bicocca), Stefano Moriggi (Università di Milano Bicocca), Arianna Mainardi (Università di Milano Bicocca), Marina Micheli (Università di Milano Bicocca), Andrea Mangiatordi (Università di Milano Bicocca), Francesca Scenini (Università di Milano Bicocca).

In questo contributo verranno presentati e discussi i risultati relativi all’utilizzo di Internet e delle nuove tecnologie nella vita quotidiana da parte degli studenti dell’Università degli Studi di Milano Bicocca. I dati sono stati ottenuti dall’Osservatorio sui Nuovi Media dell’ateneo lombardo attraverso la somministrazione di un questionario a 5.116 studenti nell’a.a. 2015-2016.

 

IUL (Italian University Line): experience, pedagogical perspective and a subject course planning case example
SES/W1A: Web Session 1A – Contributi Scientifici
29/08/2016 – Orario: 15,00-17,30
Luogo: Virtual Conference Room #1

Partecipano: Fausto Benedetti (Indire),  Letizia Cinganotto (Indire),  Patrizia Garista (Indire)

Il contributo descriverà l’organizzazione e il contesto pedagogico e metodologico in cui nascono i corsi della IUL, l’Ateneo telematico promosso dall’Indire e dall’Università degli Studi di Firenze. Il contributo si focalizzerà sulle caratteristiche principali dei corsi e presenterà uno studio di caso per evidenziare i punti di forza e di debolezza di questo tipo di percorso formativo.

 

L’incorporazione dell’innovazione nelle pratiche didattiche del progetto Edoc@Work3.0. Primi risultati da un’analisi secondaria dei dati
SES/W3B: Web Session 3B – Contributi Scientifici
31/08/2016 – Orario: 15,00-17,30
Luogo: Virtual Conference Room #2

Partecipano: Luisa Aiello (Indire), Giuseppina Rita Mangione (Indire), Sarah Anna Grazia Papale (Università di Bari)

Il contributo presenterà una ricerca che ha preso l’avvio dopo la chiusura di Edoc@work3.0, progetto per il quale l’Indire ha curato la parte relativa al mondo della scuola, formando i docenti del primo e del secondo ciclo di istruzione e accompagnando l’introduzione nel territorio pugliese di quattro differenti modelli didattici innovativi che includevano l’utilizzo di tecnologie digitali.

 

La dimensione del tempo nei processi di innovazione didattica: Compattazione del calendario scolastico, Bocciato con credito, Spaced learning, Flipped classroom
SES/A3: Sessione A3 – Contributi Scientifici
07/09/2016 – Orario: 11,10-13,00
Luogo: Aula N

Partecipano: Lorenza Orlandini (Indire), Stefania Chipa (Indire)

Il tempo costituisce una delle dimensioni intorno alle quali si stanno sviluppando nella scuola pratiche didattiche innovative. Nell’ambito delle dodici idee per l’innovazione della scuola italiana promosse dal Movimento delle Avanguardie educative, verranno approfondite quelle esperienze che sono riuscite ad attivare processi didattici innovativi proprio a partire da una diversa organizzazione della dimensione del tempo.

 

La stampante 3D nella scuola dell’infanzia tra accoglienza e innovazione
SES/A3: Sessione A3 – Contributi Scientifici
07/09/2016 – Orario: 11,10-13,00
Luogo: Aula N

Partecipano: Alessia Rosa (Indire), Maeca Garzia (Indire), Giuseppina Rita Mangione (Indire)

La scuola dell’infanzia può essere considerata una “cenerentola” per quanto riguarda l’utilizzo delle tecnologie, ma vi sono interessanti eccezioni. Il contributo presenta sinteticamente una sezione della ricerca Indire “Maker@Scuola” finalizzata a verificare l’efficacia in termini didattici dell’utilizzo della stampante 3D nella scuola dell’infanzia.

 

Costruire corsi di formazione blended per insegnanti: riflessioni e proposte per il futuro
SES/C4: Sessione C4 – Contributi Scientifici
08/09/2016 – Orario: 11,10-13,00
Luogo: Aula O

Partecipano: Caterina Bembich (Università degli Studi di Trieste), Riccardo Fattorini (Università degli Studi di Trieste), Tommaso Mazzoli (Università degli Studi di Trieste), Elisabetta Cigognini (Indire), Gisella Paoletti (Università degli Studi di Trieste)

Nel quadro delle politiche europee, gli insegnanti sono stati riconosciuti attori chiave delle strategie volte allo sviluppo di una società della conoscenza. In quest’ottica l’apprendimento diviene un processo che percorre tutto l’arco di vita professionale del docente. Il contributo si propone di analizzare i fattori che intervengono nella progettazione di un ambiente formativo rivolto alla formazione di insegnanti, cercando di evidenziare le criticità e i punti di forza dei corsi.

 

La didattica laboratoriale come possibile risposta all’abbandono scolastico. Una ricerca negli istituti tecnici e professionali
SES/D3: Sessione D3 – Contributi Scientifici
08/09/2016 – Orario: 16,10-18,00
Luogo: Aula N

Partecipano: Maria Guida (Indire), Chiara Laici (Indire), Massimiliano Naldini (Indire), Silvia Panzavolta (Indire)

Il contributo presenta una ricerca sull’efficacia di una didattica attiva per contrastare il fallimento formativo e il precoce abbandono scolastico degli studenti della scuola secondaria superiore. Lo studio, non ancora concluso, è stato condotto nell’ambito di un progetto di formazione-intervento affidato all’Indire dalla Regione Toscana, finalizzato a scardinare la didattica trasmissiva nei Poli Tecnico Professionali. Permanenza a scuola, performance dei docenti e ricadute organizzative dovute all’introduzione di pratiche di insegnamento-apprendimento di tipo attivo supportate dalle tecnologie le dimensioni indagate con focus, interviste, osservazione in classe, video-osservazione, test psicologici standardizzati.

 

Osservare l’innovazione. Una proposta per l’analisi delle pratiche didattiche con le ICT e per lo sviluppo della professionalità docente
SES/D3: Sessione D3 – Contributi Scientifici
08/09/2016 – Orario: 16,10-18,00
Luogo: Aula N

Partecipa: Luisa Aiello (Indire)

Il contributo propone uno strumento d’analisi dell’attività d’aula di alunni e insegnanti sviluppando le riflessioni teoriche e metodologiche alla base dell’elaborazione delle relative categorie interpretative, allo scopo di ttrezzare sia lo sguardo dell’analista sia la riflessività docente sul rapporto tra innovazioni didattiche, nuove tecnologie, cambiamento del contesto di insegnamento/apprendimento, potenziamento di diverse componenti del fare didattico e, infine, trasformazione delle competenze.

 

La formazione professionale dei dirigenti scolastici nel contesto internazionale: sintesi quantitativa di una revisione sistematica della letteratura
SES/E4: Sessione E4- Contributi Scientifici
09/09/2016 – orario: 11,10-13,00
Luogo: Aula O

Partecipa: Chiara Giunti (Indire, Università degli Studi di Firenze)

Come viene gestita a livello internazionale la formazione iniziale e in servizio dei dirigenti scolastici? Quali modelli formativi e quali strategie didattiche hanno maggior diffusione? Come vengono impiegate le tecnologie per la formazione dei capi d’istituto? Questo lavoro affronta tali quesiti e presenta i risultati di una prima analisi quantitativa della letteratura internazionale condotta con un approccio sistematico.

 

La conferenza prevede anche una web session sui gemellaggi elettronici fra scuole con eTwinning, la piattaforma europea che dal 2005 mette in contatto insegnanti e classi per fare didattica in modi innovativi, anche con l’utilizzo delle tecnologie:

La metodologia del Project Based Learning con eTwinning
SES/W5B: Web Session 5B – Contributi Scientifici
02/09/2016 – Orario: 15,00 – 17,30
Luogo: Virtual Conference Room #2
Partecipa: Brigida Clemente, Ambasciatrice eTwinning per l’Unità Nazionale Italia (Indire), docente Miur e formatore PNSD

Il contributo focalizza l’attenzione su come le competenze digitali vengono individuate nel Piano Nazionale Scuola Digitale quali strumenti per i docenti per agire come facilitatori di percorsi didattici innovativi basati su contenuti più familiari per i loro studenti. Il fil rouge del contributo è il progetto eTwinning nel suo aspetto sia di piattaforma di rete per la comunicazione, condivisione e costruzione collaborativa della conoscenza, sia di modello di innovazione didattica supportata dalle tecnologie.

 

Segui i lavori su Twitter con l’hashtag #ememitalia!

 

Link utili:

 

 

Clipboard01